Vulvodynia Day 2016Da quest'anno, l'11 novembre diventa 'VULVODYNIA DAY', una giornata di sensibilizzazione istituita dall'associazione italiana VulvodiniaPuntoInfo Onlus allo scopo di dare spazio ad una problematica femminile semisconosciuta e sotto-diagnosticata

Nel mondo, una donna su sette soffre di una complessa condizione che coinvolge l’area genitale e che può provocare sintomi talmente dolorosi da incidere profondamente sulla vita quotidiana delle pazienti e, in modo particolare, sulla loro sfera sessuale e riproduttiva. Si tratta della vulvodinia, una sindrome che, soltanto in Italia, colpisce circa 4 milioni di donne. La patologia è caratterizzata da un dolore pelvico cronico che colpisce i genitali femminili e che di solito si manifesta come intensa sensazione di bruciore, di scossa elettrica, di punture di spillo o di vere e proprie fitte. Per le donne affette da questa condizione, semplici azioni come camminare o indossare un paio di jeans possono diventare molto complicate; a volte, persino portare gli slip può risultare insopportabile.

Nonostante sia contraddistinta da un'alta incidenza, attualmente la vulvodinia resta una patologia sotto-diagnosticata, in quanto sconosciuta a molti medici. Inoltre, molte pazienti provano disagio nel parlarne con il proprio dottore. Per offrire sostegno alle donne che si trovano a dover affrontare questo difficile percorso e per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia, l'Associazione VulvodiniaPuntoInfo Onlus ha deciso di organizzare, per l'11 novembre, la Giornata Internazionale sulla Vulvodinia, coinvolgendo le varie realtà associative che, in Italia e all'estero, si occupano di questa sindrome.

Numerose sono le attività promosse in occasione del Vulvodynia Day, come la campagna social #VULVODYNIADAY, a cui tutti possono partecipare pubblicando su web una foto che abbia come tema la femminilità e che sia accompagnata dall’hashtag #VULVODYNIADAY e dalle grafiche che è possibile scaricare da un apposito link.

La campagna è affiancata da 'Una firma per la vulvodinia', una petizione lanciata con l'obiettivo di ottenere il riconoscimento ufficiale della Sindrome VulvoVestibolare (SVV) da parte del Sistema Sanitario Nazionale italiano. L'iniziativa, convalidata e firmata da medici e autorità del settore, si propone di supportare le donne affette da vulvodinia, chiedendo allo Stato italiano di promuovere la ricerca scientifica sulla malattia, di fornire un sostegno per le cure e di istituire Centri di assistenza specializzati che siano in grado di diagnosticare il disturbo e di assicurare alle pazienti un percorso multidisciplinare d'eccellenza. Per aggiungere la propria firma è sufficiente recarsi presso il sito web dedicato alla petizione.

Infine, sulla piattaforma 'Worth Wearing', è attiva una raccolta fondi a cui è possibile contribuire acquistando una speciale T-shirt personalizzata, che reca il messaggio 'NON è tutto nella tua testa!' (It’s NOT All in Your Head: #VULVODINIADAY). Il denaro raccolto servirà a sostenere le attività di informazione e sensibilizzazione promosse da VulvodiniaPuntoInfo Onlus.

Per informazioni sul Vulvodynia Day è possibile visitare la pagina Facebook dedicata all'evento o il sito web di VulvodiniaPuntoInfo Onlus.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni