Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Buone notizie per chi è affetto da #HIV . Lo studio di Fase III BRIGHTE su fostemsavir in adulti con infezione da HIV-1 multitrattati, sono stati registrati miglioramenti nella soppressione virologica e nella risposta immunologica. I dettagli: bit.ly/2ZmSd6b pic.twitter.com/qaQw5fhbu8
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Duchenne , sollevati dubbi di sicurezza sul farmaco golodirsen. L'azienda è già pronta a reagire e incontrarsi con Food and Drug Administration degli USA. bit.ly/2Hk6UfQ pic.twitter.com/lEpa6cQK2o
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Un team dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ha pubblicato di recente, sulla rivista Journal of Neuro-Oncology, i risultati di uno studio in Fase II che mostrano i benefici di un chemioterapico su pazienti con glioma maligno in recidiva. #Cancro bit.ly/2NiVcGl pic.twitter.com/8mWd51boZx
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Le #malattierare sono tali solo singolarmente: in totale colpiscono oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa la metà sono bambini. "Collaborazione" è il metodo più efficace per combatterle. L'approfondimento bit.ly/2ze3B5M pic.twitter.com/Uq9FkQt81v
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Tumore alla vescica, è il quarto più frequente negli uomini. Uno studio italiano valuterà l'impiego della radioterapia adiuvante. La sperimentazione è condotta dai ricercatori dell'Istituto Clinico dell'Humanitas di Milano. bit.ly/31I8K1W pic.twitter.com/8sce2yat4D
8 days ago.

Questa risposta anti-farmaco, tuttavia, non ha conseguenze evidenti sull'efficacia clinica o sul verificarsi di reazioni di ipersensibilità

CAMBRIDGE (U.S.A.) – La terapia enzimatica sostitutiva con laronidasi ha un ruolo importante nel trattamento dei pazienti con mucopolisaccaridosi di tipo I. La laronidasi è sicura e ha dimostrato la sua efficacia in termini di stabilizzazione o miglioramento dei convenzionali marcatori clinici e di laboratorio della malattia. Tuttavia, come la maggior parte delle terapie enzimatiche sostitutive, la laronidasi produce una risposta anti-farmaco da parte degli anticorpi immunoglobuline G in oltre il 90% dei pazienti durante i primi mesi di trattamento.

Dati preclinici da un modello canino di mucopolisaccaridosi di tipo I suggeriscono che gli anticorpi anti-farmaco (ADA) compromettono l'assorbimento dell'enzima nei tessuti bersaglio. Nei pazienti, gli effetti sulla clearance dei glicosaminoglicani (GAG) nei tessuti sono difficili da valutare direttamente, ma i dati provenienti da studi clinici hanno suggerito un'associazione tra gli ADA e sia una risposta farmacodinamica ridotta che reazioni di ipersensibilità.

Una vasta meta-analisi dei dati raccolti da pazienti in tre studi clinici sulla laronidasi (tra cui uno studio con estensione) è stata intrapresa per fornire una valutazione più solida del rapporto tra la risposta ADA alla laronidasi, i marcatori clinici e di laboratorio della malattia, e le reazioni di ipersensibilità.

La meta-analisi, pubblicata sulla rivista Molecular Genetics and Metabolism, ha dimostrato una relazione inversa tra la risposta ADA e la riduzione percentuale dei livelli di GAG urinari. Tuttavia, non è stata osservata alcuna relazione tra la risposta ADA e i cambiamenti nella percentuale prevista della capacità vitale forzata e nel test del cammino in sei minuti. Lo studio ha anche ri-analizzato i campioni di siero conservati dalle sperimentazioni originali con un nuovo metodo per determinare l'effetto inibitorio di ADA.

I pazienti con maggiore esposizione ADA nel corso del tempo risultavano avere maggiore inibizione nell'assorbimento dell'enzima nelle cellule. Un'alta esposizione ADA può risultare in un livello commisurato di inibizione nell'assorbimento dell'enzima terapeutico, che riduce l'effetto farmacodinamico dello stesso somministrato per via esogena, ma senza conseguenze evidenti sull'efficacia clinica o sul verificarsi di reazioni di ipersensibilità. Nel complesso, questi risultati non cambiano l'interpretazione delle analisi precedenti, e non costituiscono una modifica al profilo di rischio-beneficio della laronidasi.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni