Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Buone notizie per chi è affetto da #HIV . Lo studio di Fase III BRIGHTE su fostemsavir in adulti con infezione da HIV-1 multitrattati, sono stati registrati miglioramenti nella soppressione virologica e nella risposta immunologica. I dettagli: bit.ly/2ZmSd6b pic.twitter.com/qaQw5fhbu8
About 23 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Duchenne , sollevati dubbi di sicurezza sul farmaco golodirsen. L'azienda è già pronta a reagire e incontrarsi con Food and Drug Administration degli USA. bit.ly/2Hk6UfQ pic.twitter.com/lEpa6cQK2o
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Un team dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ha pubblicato di recente, sulla rivista Journal of Neuro-Oncology, i risultati di uno studio in Fase II che mostrano i benefici di un chemioterapico su pazienti con glioma maligno in recidiva. #Cancro bit.ly/2NiVcGl pic.twitter.com/8mWd51boZx
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Le #malattierare sono tali solo singolarmente: in totale colpiscono oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa la metà sono bambini. "Collaborazione" è il metodo più efficace per combatterle. L'approfondimento bit.ly/2ze3B5M pic.twitter.com/Uq9FkQt81v
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Buone notizie dall'Indianapolis (U.S.A.) per l' ultra-rara iperossaluria secondaria. Il farmaco sperimentale ALLN-177 è efficace e tollerabile in Fase II. Tutti i dettagli qui: bit.ly/33HUOqz pic.twitter.com/RtrAIqwj34
4 days ago.

Alcuni pazienti in terapia enzimatica sostitutiva hanno difficoltà a ricevere infusioni settimanali

RIO DE JANEIRO (BRASILE) – La mucopolisaccaridosi di tipo I è una malattia autosomica recessiva da accumulo lisosomiale, causata da carenza di α-L-iduronidasi, che causa progressive manifestazioni di malattia multisistemica e, se non trattata, un significativo carico di malattia, disabilità e morte prematura.
La terapia enzimatica sostitutiva (ERT) con laronidasi (α-L-iduronidasi umana ricombinante, nome commerciale Aldurazyme) è indicata per i segni e sintomi non neurologici della mucopolisaccaridosi di tipo I. La posologia approvata per la laronidasi consiste in infusioni settimanali di 0.58 mg/kg: i pazienti e gli operatori sanitari, tuttavia, possono avere difficoltà a rispettare il regime settimanale.

Uno studio brasiliano pubblicato sull'Orphanet Journal of Rare Diseases ha esaminato gli esiti clinici, la tollerabilità, l'adesione alla terapia e la soddisfazione in una serie di pazienti che sono passati alle infusioni ogni due settimane.

Questa revisione delle cartelle cliniche, multinazionale e retrospettiva, ha analizzato i dati provenienti da 20 pazienti che si erano sottoposti a ERT con laronidasi 0.58 mg/kg a settimana per più di un anno, e che successivamente erano passati a 1,2 mg/kg ogni due settimane.

La maggior parte dei pazienti aveva un fenotipo attenuato della mucopolisaccaridosi di tipo I (9 con sindrome di Hurler-Scheie e 8 con sindrome di Scheie), mentre 3 pazienti avevano un fenotipo grave (la sindrome di Hurler). La maggior parte dei pazienti presentava organomegalia (17/20), ernia ombelicale e/o inguinale (16/20), anomalie cardiache (17/20), anomalie muscolo-scheletriche (19/20) e deficit neurologici e/o dello sviluppo (15/20).

Dopo il trattamento con laronidasi, i segni si sono stabilizzati o sono migliorati. In tutti i pazienti che sono passati dalla dose settimanale di 0.58 mg/kg a quella da 1,2 mg/kg ogni due settimane, non è stato osservato alcun deterioramento o inversione di risultato clinico. Non ci sono stati problemi di sicurezza per tutta la durata del dosaggio ogni due settimane. La compliance del paziente e la soddisfazione con il nuovo regime sono risultati maggiori rispetto al dosaggio settimanale.

Un regime di dosaggio alternativo di laronidasi 1,2 mg/kg ogni due settimane è stato dunque ben tollerato e si è dimostrato clinicamente simile alla dose standard per i pazienti che sono stati stabilizzati con 0,58 mg/kg settimanali per un anno o più. Quando è necessario un approccio individualizzato alla terapia con laronidasi, il dosaggio ogni due settimane può essere un'alternativa per i pazienti che hanno difficoltà a ricevere infusioni settimanali.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni