La terapia funziona sul modello animale. Presto saranno pianificati i test sui pazienti

Uno studio italiano, condotto da un gruppo ricercatori dell'Università del Piemonte Orientale in collaborazione con l'Istituto San Raffaele di Milano, propone una nuovo approccio terapeutico per il trattamento del mesotelioma. Il team di ricerca ha individuato una combinazione efficace tra ascorbato (vitamina C), Egcg (epigallo-catechina-3-gallato, che è un polifenolo estratto dal tè verde) e il farmaco gemcitabina.

I primi test preclinici sono stati superati con successo, evidenziando una notevole riduzione della massa tumorale e l'assenza di metastasi. Il prossimo obiettivo sarà la pianificazione di test clinici per valutare l'efficacia sull'uomo di questa nuova terapia. La ricerca, intitolata «Preclinical Demonstration of Synergistic Active Nutrients/Drug (and) Combination as a Potential Treatment for Malignant Pleural Mesothelioma», è stata condotta da Bruno Burlando, Stefano Biffo, Elia Ranzato e Simona Martinotti ed è pubblicata sulla rivista Plos One.

L'approccio terapeutico più efficace al mesotelioma era stato finora quello della chemioterapia, che tuttavia ha sempre presentato alti rischi di recidività ed effetti collaterali negativi. Studiando l'azione chemiopreventiva di alcuni nutrienti attivi, i ricercatori alessandrini hanno sviluppato l'idea di combinare nutrienti attivi e farmaci antitumorali per contrastare la progressione del tumore. Già alcuni anni fa lo stesso gruppo di ricercatori aveva dimostrato come l'ascorbato, se somministrato in quantità tollerabili, fosse tossico per le cellule di mesotelioma.

Vuoi saperne di più? Consulta anche la nostra sezione TUMORI RARI.


Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni