Bambino

L’estensione d’indicazione del farmaco si basa sui dati ad interim dello studio clinico RAINBOWFISH 

Basilea (SVIZZERA) - La Commissione Europea ha approvato l’estensione dell’autorizzazione all’immissione in commercio del farmaco risdiplam per includere bambini con meno di due mesi di vita, con diagnosi clinica di atrofia muscolare spinale (SMA) di tipo 1, 2 o 3, oppure aventi da una a 4 copie del gene SMN2. Tale estensione è stata sostenuta dai dati ad interim dello studio RAINBOWFISH, attualmente in corso su bambini pre-sintomatici affetti da SMA di tipo 1, tra zero e sei settimane di vita.

“La comunità SMA accoglie con favore la decisione della Commissione Europea di estendere l’uso di risdiplam fin dalla nascita”, ha dichiarato Nicole Gusset, Presidente e Amministratore delegato di SMA Europe. “Preservare i motoneuroni dalla più tenera età e prevenirne la perdita irreversibile può avere un impatto sostanziale sulla futura capacità motoria e funzionale di pazienti. Siamo impazienti di continuare a collaborare per migliorare la diagnosi, incluso lo screening neonatale, con l’intento di garantire l’accesso ai medicinali a tutte le persone affette da SMA”.

L’approvazione della Commissione Europea si basa sull’analisi ad interim dello studio RAINBOWFISH, comprendente sei bambini con 2 o 3 copie del gene SMN2 che hanno completato almeno un anno di valutazione dello studio. Di questi, il 100% (6/6) era in grado di stare seduto dopo un anno di trattamento con risdiplam, il 67% (4/6) di stare in piedi e il 50% (3/6) di camminare autonomamente. Tutti i bambini erano in vita a 12 mesi senza ventilazione permanente. I dati dello studio RAINBOWFISH evidenziano che il profilo di sicurezza di risdiplam nei bambini pre-sintomatici è in linea con quello osservato negli studi precedenti su pazienti sintomatici affetti da SMA. Le reazioni avverse più comuni sono state febbre, diarrea, eruzione cutanea, infezione delle alte vie respiratorie (tra cui rinofaringite, rinite), infezione delle basse vie respiratorie (tra cui polmonite, bronchite), stipsi, vomito e tosse.

Risdiplam è stato inizialmente approvato in Europa a marzo 2021 per il trattamento di pazienti di età uguale o superiore a due mesi. L’approvazione si è basata sui dati degli studi clinici registrativi SUNFISH e FIREFISH.

“Con questa estensione delle indicazioni prescrittive è possibile trattare i bambini con risdiplam a partire da poco dopo la nascita, offrendo loro le maggiori probabilità di acquisire la capacità di stare seduti, stare in piedi e camminare in modo simile ai bambini sani”, ha dichiarato Levi Garraway, Chief Medical Officer e Head of Global Product Development di Roche. 

Attualmente, nello studio di Fase II/III MANATEE, Roche sta studiando risdiplam in associazione a una molecola anti-miostatina, sempre per il trattamento della SMA.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni