L’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica - AISLA, 'sforna' colombe e ovetti di cioccolato per raccogliere fondi per i malati di SLA

I dolci più buoni sono quelli che fanno del bene e aiutano le persone che hanno bisogno: con questo spirito AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica ha ‘sfornato’ per la Pasqua 2015 le sue colombe e gli ovetti di cioccolato per raccogliere fondi a sostegno delle persone con SLA che hanno bisogno di assistenza domiciliare.

Con un contributo di almeno 10 euro, si possono acquistare le colombe Gilber, tradizionali o al cioccolato, da 600 grammi oppure gli ovetti artigianali dei maestri cioccolatieri Piemont da 200 grammi.
I dolci di AISLA, possono essere ordinati entro il 27 marzo e fino a esaurimento scorte online su www.aisla.it e all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure al numero 0321-499727.

AISLA, inoltre, in omaggio alle sue origini piemontesi, (è stata fondata a Novara nel 1983), propone a tutti quanti acquisteranno le colombe di gustarle in modo originale con la crema di gianduiotto da procurarsi in pasticceria o, per i più intraprendenti, da preparare in casa con queste semplici istruzioni:

Ingredienti
250 g di crema pasticcera
250 g di gianduiotti
10 g di colla di pesce
350 ml di panna fresca montata all'80%

Fai ammollare la colla di pesce in acqua fredda per dieci minuti. Prepara la crema pasticcera e, appena cotta, fuori dal gas, uniscila alla colla di pesce.
Sciogli a bagnomaria i gianduiotti e aggiungili alla crema pasticcera. Per rendere la ricetta ancora più gustosa è possibile aggiungere anche un cucchiaio di pasta di nocciole. Mescola bene. Amalgama anche la panna, senza smontarla.


I dolci buoni di AISLA si potranno trovare anche nei gazebo dell’associazione allestiti dai volontari sabato 28 e domenica 29 marzo a Reggio Calabria in Piazza San Giorgio al Corso e domenica 29 marzo a Castel San Giorgio (Salerno) in Via S. Maria di Costantinopoli, 27, di fronte alla Chiesa.

In Italia i malati di SLA sono circa 6000 e la maggior parte di loro ha bisogno di un’assistenza domiciliare continua e qualificata. AISLA con 250 volontari in 19 regioni italiane li sostiene con aiuti concreti come contributi economici alle famiglie che non possono permettersi una badante 24 ore su 24, visite gratuite a domicilio di specialisti (pneumologi, fisioterapisti, psicologi), acquisto o noleggio di strumenti indispensabili per la qualità della vita dei malati (sollevatori, materassi antidecubito, ausili specifici indispensabili alle persone con SLA nelle fasi più avanzate della malattia).

Solo nell’ultimo anno AISLA ha potuto aiutare 2000 malati di SLA in tutta Italia, grazie al lavoro dei volontari sul territorio e del Centro d’ascolto, il servizio gratuito di consulenza telefonica dell’associazione (02 43986673).

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni