L'attenzione si è concentrata sul rischio di microcefalia, ma il virus può causare anche questa rara condizione che porta alla paralisi e talvolta può essere fatale

LONDRA – Se sei una donna incinta, e non hai vissuto su un altro pianeta, è probabile che sarai a conoscenza dell'epidemia di virus Zika che sta dilagando in Centro e Sud America. Sarai consapevole della minaccia che potrebbe rappresentare per il nascituro, se dovessi recarti in Brasile o in uno degli altri paesi colpiti ed essere punta dalla zanzara Aedes aegypti. Potresti essere a conoscenza delle più recenti ricerche brasiliane, secondo cui il virus è stato trovato nei campioni di urina e saliva dei pazienti. Il virus Zika è asintomatico in una stima di tre quarti degli individui contagiati e provoca, nei rimanenti, effetti per lo più lievi: rash cutaneo e dolore alle articolazioni. Ma questa, purtroppo, non è la storia completa.

Mentre la maggior parte dell'attenzione è stata focalizzata, giustamente, sul sospettato legame di Zika con la microcefalia (una malformazione del feto in cui il cervello non riesce a crescere normalmente e porta alla nascita di bambini con un cranio di dimensioni ridotte, che per lo più andranno incontro a difficoltà di apprendimento), un'altra minaccia del virus ha avuto meno risalto: la sua capacità di causare la sindrome di Guillain-Barré.

Si tratta di una condizione rara e talvolta pericolosa per la vita, in cui il sistema immunitario attacca i nervi causando la paralisi. Centinaia di casi sono stati collegati con i focolai di Zika in Brasile e in altri paesi e decine di persone sono state ricoverate in ospedale. Alcune sono morte.

La sindrome – come spiega Jeremy Laurance sul quotidiano britannico The Independent – può colpire chiunque. Si inizia spesso con un intorpidimento o un formicolio alle mani e ai piedi, che porta a debolezza muscolare e che, se si diffonde al torace, può influenzare la respirazione, costringendo i pazienti all'aiuto della macchina. La maggior parte recupera nel giro di settimane o mesi, ma in qualche caso la paralisi o la debolezza muscolare può durare per anni.

La sindrome è stata descritta per la prima volta 100 anni fa ed è spesso legata a una precedente infezione virale o batterica che sconvolge il sistema immunitario, portandolo ad attaccare il corpo. Circa il 30 per cento dei pazienti richiede la ventilazione, ma con le adeguate cure mediche, meno del 5 per cento muore. Gli esperti dei Centri per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CDC) negli Stati Uniti stanno indagando urgentemente il suo legame con Zika insieme alle autorità in Brasile.

Questo legame è stato notato nella Polinesia Francese, durante l'epidemia di Zika che ha colpito il gruppo di isole nel 2013. La Polinesia Francese ha una popolazione di 270.000 abitanti e ci sono stati 42 casi confermati di Guillain-Barré, circa otto volte il numero normale, secondo i medici. Solo più tardi il legame con la microcefalia è stato rilevato nella Polinesia francese, dopo che era apparso in Brasile e le autorità erano tornate a controllare i referti medici. Il legame con la microcefalia non emerse prima in quanto la popolazione infettata era troppo esigua perché l'aumento risultasse ovvio.

In Brasile, i medici hanno riportato un aumento drammatico nei casi di Guillain-Barré. Nell'ospedale pubblico di Niteroi, Rio de Janeiro, i medici hanno riferito che, due settimane dopo aver contratto il virus, 16 persone si sono ammalate e due sono rimaste paralizzate dalla sindrome. L'Hospital da Restauração a Recife, nel nord-est, ha riportato di aver preso in cura 94 pazienti con la sindrome durante la stagione delle piogge, sei volte il numero normale.

Nell'ospedale Couto Maia a Salvador, Antonio Bandeira, uno specialista in malattie infettive, ha riferito che 24 pazienti con Guillain-Barré sono stati ricoverati tra maggio e luglio. Zika – ha aggiunto – era stato “davvero terribile” da febbraio a luglio ed era poi scomparso. A Maceio, sempre nel nord-est, Wellington Galvao, un ematologo, ha trattato 43 pazienti con sindrome di Guillain-Barré nel 2015, rispetto ai 10-15 negli anni precedenti. “Stimo che Zika aumenti di circa 20 volte la probabilità che un individuo possa ammalarsi di Guillain Barré. Può essere un incubo per chi ne è affetto”, ha affermato.

L'associazione tra Zika e Guillain-Barré è ancora solo questo: un'associazione. Altri picchi sono stati osservati in Colombia, che ha riportato i primi decessi per Guillain-Barré il 5 febbraio scorso, e in Honduras. Tuttavia, nel nord-est del Brasile nel 2003-2004 vi è stato un aumento dei casi in seguito a un'epidemia di virus della dengue, diffusa anch'essa dalle zanzare. Questo mette in evidenza le difficoltà nel definire la causa precisa.

Le autorità sanitarie, tuttavia, stanno prendendo molto seriamente il legame sospettato con Zika. L'Organizzazione Mondiale della Sanità, il primo febbraio, ha nominato la Guillain Barré come una potenziale minaccia di Zika nella sua dichiarazione di emergenza.  L'autorità sanitaria inglese Public Health England (PHE) ha seguito l'esempio.

Ma la PHE, così come i Centri per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CDC) negli Stati Uniti, ha limitato i suoi avvertimenti di viaggio per le donne in gravidanza al rischio di microcefalia. Non ha sconsigliato i viaggi a causa del rischio di Guillain-Barré.

Vincent Racaniello, professore di microbiologia e immunologia al College of Physicians alla Columbia University di New York, ha spiegato la discrepanza: “La sindrome di Guillain Barré si risolve, la microcefalia no”, ha detto.

Nathalie MacDermott, ricercatrice in malattie infettive presso l'Imperial College di Londra, ha dichiarato: “Nella stragrande maggioranza dei casi, la microcefalia provoca un ritardo permanente nello sviluppo neurologico. Stiamo parlando di un impatto significativo su una generazione di bambini. Può essere che Zika provochi Guillain-Barré, ma non può essere molto grave. La stragrande maggioranza dei casi avrà un pieno recupero. Vale la pena ricordare – ha aggiunto – che il rischio più alto di un viaggio spesso non è la malattia: sono gli incidenti stradali”.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni