Ipsen e Interprotein Corporation, società giapponese di ricerca e sviluppo in biotecnologie, hanno annunciato oggi una collaborazione di ricerca e un option agreement per lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi peptidi terapeutici destinati al trattamento di serie condizioni cliniche endocrinologiche, quali la malattia di Cushing.  
In base ai termini dell'accordo, Ipsen combinerà la sua esperienza nella progettazione e sviluppo di peptidi terapeutici diretti verso specifici recettori con tecnologie Interprotein di interazione proteina-proteina (PPI) e helix-loop-helix-peptide (HLHP).

Commentando questa collaborazione, Masato Hosoda, Chief Executive Officer di Interprotein ha dichiarato : "Siamo molto entusiasti di essere coinvolti nel programma di ricerca di nuovi farmaci innovativi di Ipsen per questa malattia rara. Siamo particolarmente orgogliosi che la nostra piattaforma tecnologica sia  stata scelta per favorire lo sviluppo di molecole bersaglio di Ipsen. Questo accordo si inserisce perfettamente con la nostra strategia di partnership per le attività di scoperta di nuovi farmaci bersaglio PPI”.

Claude Bertrand, Executive Vice-President Research & Development e Chief Scientific Officer ha aggiunto: "Ipsen è fiduciosa nel beneficiare di tecnologie innovative di ricerca peptidica  Interprotein per supportare le capacità di  leadership  di Ipsen nella ricerca e sviluppo di peptidi terapeutici e nello sviluppo di nuove soluzioni terapeutiche per colmare unmet needs nelle malattie gravi. Questa collaborazione è in linea con la strategia di ricerca e sviluppo Ipsen, dove innovazione e partnership sono la chiave per lo sviluppo di nuovi trattamenti in aree terapeutiche mirate”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni