La malattia di Cushing, o Adenoma corticotropo ipofisario, è una rara malattia che comporta quasi sempre morbilità e mortalità. Un gruppo di ricercatori francesi ha recentemente pubblicato su Orphanet Journal of Rare Disease un articolo di review che può essere di grande utilità a medici e operatori sanitari che se ne occupano.


La diagnosi della patologia è, infatti, piuttosto complessa, in quanto segni e sintomi di ipercortisolismo sono solitamente non specifici: segnali di obesità, perdita proteica, aumento della pressione arteriosa, livelli variabili di irsutismo. Per questo la diagnosi richiede un algoritmo rigoroso.

Il trattamento di prima linea si basa sulla chirurgia transfenoidale (cioè attraverso le narici), che cura l’ottanta per cento di ACTH-secernenti micro adenomi. Altre modalità terapeutiche comprendono i farmaci, le tecniche anti cortisolo, le radiazioni o la surrenectomia bilaterale, per evitare i rischi a lungo termine di ipercortisolismo (sindrome metabolica, osteoporosi, malattie cardiovascolari). Questa review, attualmente disponibile sull’Orphanet Journal of Rare Diseases riassume i potenziali meccanismi fisiopatologici, gli approcci diagnostici e le terapie attualmente utilizzare per la malattia.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni