Sempre più concreta, questa possibilità terapeutica per la retinite pigmentosa è però off-limits per molti a causa del costo elevato

La retinite pigmentosa (RP) è una distrofia retinica ereditaria, causata dalla perdita dei fotorecettori e caratterizzata da depositi retinici di pigmento visibili all'esame del fondo dell'occhio. La forma più comune è la distrofia tipo bastoncelli-coni, che insorge con cecità notturna, seguita dalla perdita progressiva della vista diurna, del campo visivo periferico, che può portare a cecità dopo diverse decadi.
Problemi di vista al buio, immagini sempre più sfocate anche di giorno, lesioni sul fondo dell'occhio, campo visivo limitato: la retinite pigmentosa è una malattia che si stima colpisca, in Italia, 1 persona su 15000. Per coloro che sono affetti da questa patologia in stadio avanzato la vita è difficile e la cecità sembra essere l'unico destino. Arrivano invece ottime notizie dal campo della ricerca, infatti sono iniziati i primi impianti di protesi retinica ed i feedback sino ad ora paiono positivi.

 

La protesi retinica del sistema Argus II, sistema concepito per coloro che sono affetti da degenerazione retinica grave e che abbiano un'acuità visiva inferiore ad un decimo in entrambi gli occhi, è stata impiantata su otto pazienti dell'Ospedale di Pisa.

Il sistema Argus II è impiantato in parte all'interno dell'occhio (una piastrina con degli elettrodi) ed in parte rimane esterno (il paziente è dotato di un paio di occhiali con telecamera integrata). Le immagini vengono recepite e registrate attraverso la telecamera e sono trasmesse in forma di impulsi elettrici alla piastrina posta sulla retina. Gli elettrodi stimolano i fotorecettori ancora attivi inviando al cervello segnali luminosi corrispondenti alle immagini.

Secondo i risultati dei primi impianti, pare che la protesi riesca a supplire ai fotoricettori perduti a causa della patologia e che i pazienti riacquistino progressivamente una discreta funzionalità visiva attraverso l'uso dei segnali luminosi.

“Che vuol dire - ha affermato Stanislao Rizzo (Direttore del reparto di Chirurgia oftalmica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa). - vedere le sagome degli oggetti e delle persone. Se si trova in un ambiente sconosciuto il paziente può vedere gli ostacoli, individuare dove sono la porta e la finestra. Sono grossi successi se si pensa che si passa dal buio completo a "vivere" l’ambiente circostante”.

Il sistema Argus II è stato presentato anche da Yvonne Luo, del Moorfields Eye Hospital di Londra, al recente congresso dell'American Academy of Ophthalmology, chiaro segnale che il mondo si sta aprendo a questa nuova possibile terapia per la retinite pigmentosa.

Il trattamento non è però miracoloso, necessita impegno, costanza nell'esercizio e forza di volontà, ma secondo i primi casi di impianto pare proprio che ci siano buone possibilità di riuscita.

“Riesco a distinguere le lettere: grandi, bianche, su sfondo nero, ma per me che amo la lettura è un piacere – ha affermato Filippo Tenaglia (paziente trentatreenne a cui è stato impiantata la protesi nel dicembre 2011 )- Ci vogliono impegno, pazienza; vi è la necessità di aggiustamenti delle impostazioni, ma essendo il dispositivo per il 90% esterno è facilmente aggiornabile”.

Purtroppo il costo del trattamento è ancora molto alto, 78 mila euro circa, e questo rappresenta per molti un limite non da poco.

“Fino a oggi l’Azienda Ospedaliera di Pisa ha sostenuto i primi interventi – ha affermato Elio Borgonovi (Docente di Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche, presidente Cergas, Università Bocconi e Presidente del Comitato Scientifico per la Protesi Retinica dell’Azienda Ospedaliera di Pisa) - ma in futuro non può continuare a gestire i costi della tecnologia per i pazienti di tutta Italia. Per questo motivo il Comitato Scientifico ha avviato un percorso di lavoro con la Regione Toscana per definire i migliori criteri di accessibilità e rimborsabilità dell’impianto presso il centro pisano. Siamo fiduciosi che il lavoro in corso porterà presto a risultati concreti per i pazienti italiani”.



Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni