In seguito al trattamento, i pazienti meno gravi hanno ottenuto i maggiori benefici polmonari

USA – Un team di ricercatori dell'Università della Florida (UF) ha condotto con successo il primo studio clinico su AAV1-CMV-GAA, una terapia genica sperimentale sviluppata per il trattamento di pazienti con malattia di Pompe ad esordio infantile, una rara e severa patologia progressiva che, se non trattata, comporta gravi forme di insufficienza cardiaca e polmonare entro il secondo anno di vita. I risultati di questo studio, iniziato nel 2011, sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Experimental Neurology.

La malattia di Pompe (PD) è una condizione dovuta a mutazioni nel gene GAA, il quale codifica per l'alfa-glucosidasi acida (GAA), enzima necessario per la degradazione del glicogeno, un carboidrato complesso, e per la sua conversione in glucosio. Da tale difetto genetico deriva un deficit di GAA che conduce all'accumulo dannoso di glicogeno nelle cellule del muscolo cardiaco e dei muscoli lisci e striati del corpo. I bambini con la malattia di Pompe ad esordio infantile (IOPD) sviluppano debolezza ipotonica progressiva e difficoltà cardiopolmonari che possono richiedere l'impiego di ventilazione meccanica (MV).

I ricercatori della UF hanno condotto la prima sperimentazione umana sulla terapia genica AAV1-CMV-GAA, progettata per il trattamento delle disfunzioni respiratorie nei bambini affetti da IOPD. La terapia in questione sfrutta un particolare virus adeno-associato per il trasporto e la diffusione di copie sane del gene GAA in corrispondenza delle cellule muscolari del diaframma. Nel processo di studio sono stati arruolati 9 pazienti di età compresa tra 2 e 15 anni, 5 dei quali trattati con MV a tempo pieno, e altri 4 sottoposti parzialmente, o non sottoposti affatto, a tale ausilio meccanico. Sia prima che dopo la somministrazione della terapia, tutti i partecipanti hanno costantemente seguito esercizi di condizionamento dei muscoli respiratori.

In base a quanto riscontrato, il trattamento con AAV1-CMV-GAA ha dimostrato di poter migliorare la funzionalità polmonare dei pazienti, in modo particolare di quelli meno gravi. Grazie alla terapia genica, i 4 bambini che prima dello studio non usufruivano di supporto ventilatorio a tempo pieno hanno conservato la propria capacità di respirare autonomamente per lunghi periodi di tempo, un risultato che è stato mantenuto a distanza di diversi anni dal trattamento. Anche i pazienti sottoposti a MV a tempo pieno hanno evidenziato benefici, riuscendo a fare a meno dell'ausilio meccanico nel corso di brevi attività quotidiane, come il posizionamento, la balneazione e la comunicazione.

Pur migliorando la funzionalità respiratoria dei bambini con IOPD, la terapia genica somministrata in corrispondenza del muscolo del diaframma non è stata in grado di determinare altri giovamenti, ad esempio in rapporto alla capacità dei pazienti di parlare, deglutire o muovere gli arti. Per questa ragione, i ricercatori dell'Università della Florida stanno già lavorando allo sviluppo di un approccio per il rilascio sistemico di AAV1-CMV-GAA. “Siamo fiduciosi del fatto che un dosaggio sistemico della terapia possa influenzare positivamente la forza e la funzionalità muscolare di tutto il corpo”, ha dichiarato Barry J. Byrne, professore di Pediatria all'UF College of Medicine e uno dei principali autori dello studio.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni