GlobalData, una società specializzata nell'elaborazione di analisi di mercato relative ai settori delle industrie energetiche e della sanità, ha pubblicato un rapporto che illustra le previsioni degli esperti in merito allo sviluppo epidemiologico della malattia di Gaucher (GD) nell'arco dei prossimi 10 anni. Il resoconto, intitolato 'EpiCast Report: Gaucher Disease - Epidemiology Forecast to 2024', riguarda i territori dei Paesi che rappresentano i sette maggiori mercati mondiali (7MM), ossia Stati Uniti, Francia, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito e Israele, e fornisce una panoramica dei dati sulla futura prevalenza di tutti e tre i principali fenotipi della patologia.

In base ai principali risultati dell'indagine epidemiologica, si prevede che, nei 7MM, la prevalenza della malattia di Gaucher di tipo 1 aumenterà dai 12.036 casi rilevati nel 2014, ad un totale di 13.006 nel 2024, la maggior parte dei quali si verificherà negli Stati Uniti e in Israele. Per quanto riguarda la prevalenza dei tipi 2 e 3 della patologia, entrambi più rari del tipo 1, si stima che, sempre nel 2024, il numero dei casi passerà, rispettivamente, da 121 a 125 e da 613 a 640. Inoltre, secondo gli epidemiologi di GlobalData, la malattia colpirà in ugual misura sia soggetti di sesso maschile che di sesso femminile.

Un discorso particolare è stato fatto in rapporto allo Stato israeliano, dove le previsioni sulla malattia di Gaucher sono state elaborate considerando separatamente la generale popolazione della Nazione e i membri della comunità degli ebrei ashkenaziti, all'interno della quale si verifica un'alta prevalenza della patologia.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni