Giornata Mondiale della Lipodistrofia

Clinici e pazienti di tutta Europa chiedono azioni congiunte e maggiore consapevolezza su questa malattia ultra-rara. Al via in Italia la commercializzazione del nuovo farmaco metreleptina

Roma – La Giornata Mondiale della Lipodistrofia 2020, che si terrà domani, 31 marzo, è l’occasione per ricordare l’importanza di una maggiore consapevolezza sulle lipodistrofie, un gruppo di malattie ultra-rare che si stima colpiscano nel mondo almeno 4 persone su 1 milione. “Quando si parla di lipodistrofia - commenta il Prof. Ferruccio Santini, responsabile del Centro Obesità e Lipodistrofie dell’Università di Pisa - si intende un'ampia varietà di malattie rare che si suddividono in generalizzate o parziali, a seconda dell'entità della perdita di tessuto adiposo”.

“Le lipodistrofie – continua Prof. Santini – pur essendo contraddistinte da diverse cause e manifestazioni, sono accomunate da una perdita di tessuto adiposo sottocutaneo la cui mancanza comporta un dannoso accumulo di grassi in altri organi, principalmente nel fegato. Il risultato è lo sviluppo di disfunzioni epatiche, disturbi del metabolismo (diabete e dislipidemie) e problemi cardiaci (cardiomiopatia ipertrofica)”.

Le Associazioni di pazienti di sette Paesi europei, tra cui AILIP - Associazione Italiana Lipodistrofie, hanno messo a punto il Rapporto 2019 “Lipodistrofia: una sfida rara (Lipodystrophy: A Rare Challenge). L’obiettivo è un appello a gran voce per ottenere azioni congiunte e maggiore consapevolezza sulle lipodistrofie, patologie che nel nostro Paese coinvolgono almeno 250 persone.

Secondo i dati emersi dal Rapporto, per una diagnosi di lipodistrofia parziale si può attendere anche molti anni. “La Giornata Mondiale della Lipodistrofia - commenta Guido Loro, presidente dell’Associazione Italiana Lipodistrofie, AILIP - è un momento necessario per fare il punto sui progressi compiuti fino ad oggi dalla scienza riguardo queste patologie e riflettere su ciò che deve ancora essere fatto per migliorare la vita dei pazienti. Una diagnosi precoce della malattia consente di ridurre i tempi per arrivare ad una diagnosi corretta e di garantire, quindi, tempestivamente le cure adeguate di cui necessita chi è affetto da lipodistrofie”.

E proprio in occasione della Giornata Mondiale, arriva una buona notizia per i pazienti: è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 19-3-2020 l’autorizzazione all’immissione in commercio del farmaco metreleptina (nome commerciale Myalepta) che sarà rimborsato per la lipodistrofia generalizzata. Pertanto, nei prossimi mesi, i pazienti potranno avere accesso alla terapia su tutto il territorio nazionale.

“Abbiamo raggiunto un traguardo importante – conclude il Prof. Ferruccio Santini – che cambierà in meglio la vita dei pazienti che fino ad oggi erano costretti a viaggi anche lunghi e complessi per raggiungere i centri specializzati per la terapia. Adesso finalmente avremo una migliore accessibilità alle cure nel nostro Paese e questo sarà determinante per la gestione della malattia e del futuro dei pazienti”.

I contenuti del Rapporto “Lipodistrofia: una sfida rara” sono stati realizzati grazie al contributo di medici e Associazioni di pazienti in Europa:
- Prof. David Araujo, Spagna
- Dr. Giovanni Ceccarini, Italia
- Dr. Paula Freitas, Portogallo
- Dr. Ingrid Jazet, Paesi Bassi
- Dr. Vaia Lambadiari, Grecia
- Prof. Ann Mertens, Belgio
- Prof. Dr. Annette Richter-Unruh, Germania
- Family Association Affected by Lipodystrophies (AELIP), Spagna
- French Association of Lipodystrophy (AFLIP), Francia
- Associazione Italiana Lipodistrofie (AILIP), Italia
- Lipodystrophy UK, Gran Bretagna

Il Rapporto “Lipodistrofia: una sfida rara”, realizzato con il sostegno di Amryt Pharma, è disponibile QUI

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni