Prof. Giuseppe NovelliIl prof. Giuseppe Novelli (Tor Vergata): “La diagnostica è più efficace grazie al sequenziamento di nuova generazione, e le sperimentazioni in corso forniscono risultati promettenti”

ROMA – Le lipodistrofie rappresentano uno dei gruppi di malattie rare più complessi ed eterogenei, e a Roma si è appena concluso il più importante congresso a livello europeo sullo studio di queste patologie. L'ECLIP – European Consortium of Lipodystrophies è infatti l'unica rete europea per la lipodistrofia, e riunisce 14 nazioni: nata nel 2014 e guidata dal prof. David Araujo-Vilar, è giunta al suo terzo congresso annuale dopo quelli di Bologna e Santiago de Compostela. A dare il benvenuto agli ospiti internazionali accorsi a Villa Mondragone, nei Castelli Romani, e a quelli provenienti dai principali centri d'eccellenza italiani (Roma, Bologna e Pisa) è stato il prof. Giuseppe Novelli, Rettore dell'Università di Roma Tor Vergata.

Questo gruppo di malattie, caratterizzate dalla perdita del grasso sottocutaneo, presenta alcune forme acquisite, cioè provocate da farmaci o da HIV, ma noi ci siamo concentrati sulle forme genetiche. La causa può essere individuata in un gran numero di geni diversi, e di conseguenza la malattia si manifesta in molti aspetti differenti”, ha spiegato il prof. Novelli. “Il mutato metabolismo dei lipidi, con lo sbilanciamento di trigliceridi e colesterolo, può a sua volta influenzare una serie di fattori come l'infiammazione e la crescita, o provocare sintomi cutanei, ovaio policistico, o una sindrome metabolica con interessamento cardiaco e diabete”.

Conoscere il gene mutato è quindi essenziale per prevedere il corso della malattia e i suoi diversi fenotipi: alcuni, ad esempio, possono coinvolgere il cuore, altri i muscoli. Una novità, presentata proprio all'ECLIP dalla dr.ssa Maria Rosaria D'Apice del Policlinico Tor Vergata di Roma, riguarda proprio la diagnostica: grazie al sequenziamento di nuova generazione (NGS) è ora possibile esaminare contemporaneamente i principali dieci geni responsabili della malattia.

Gli studi del prof. Novelli, invece, sono focalizzati in particolare sull'associazione fra lipodistrofia e invecchiamento precoce: “Già nel 2002 abbiamo dimostrato la connessione di alcuni geni sia con la lipodistrofia che con la progeria. Recentemente abbiamo scoperto un collegamento anche con l'acrogeria o sindrome di Gottron, una forma estremamente rara di invecchiamento precoce che come suggerisce il nome colpisce le estremità, con atrofie e anomalie della cute”, prosegue il genetista.

L'approfondimento ha riguardato anche le terapie: quella ad oggi disponibile, a base di leptina ricombinante, e le sperimentazioni in corso, per lo più basate su combinazioni di ezetimibe, statine e acidi grassi polinsaturi come gli omega-3. Sono molto interessanti anche i risultati ottenuti nei trial dai farmaci antidiabetici. Spazio anche per le malattie non diagnosticate: Domenica Taruscio, Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare dell'Istituto Superiore di Sanità, ha parlato dell'importanza della diagnosi molecolare e ha riferito sulle attività portate avanti in questo ambito dall'Undiagnosed Diseases Network International (UDNI).

Infine, i dati provenienti dai registri europei, illustrati dal prof. Martin Wabitsch dell'Università tedesca di Ulm: “Finora – ha concluso il prof. Novelli – diversi Paesi hanno raccolto i loro dati sulla lipodistrofia in singoli registri nazionali, ma il modello a cui aderiremo sarà necessariamente quello di un unico registro europeo”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni