La compagnia biofarmaceutica Alexion ha recentemente presentato i risultati di uno studio di fase 2 sull’uso della proteina ricombinante Asfotase Alfa, nel trattamento di bambini e  neonati affetti da ipofosfatasia (HPP).
L’ipofosfatasia è una rara malattia metabolica, causata da una mutazione genica responsabile, a sua volta, dell’instaurarsi di una carenza dell’enzima noto come “fosfatasi alcalina non tessuto specifica” (TNSALP). Tale carenza provoca un’alterazione nel metabolismo di calcio e fosfato con conseguenti difetti nel processo di mineralizzazione delle ossa, distruzione e deformità delle stesse e altre conseguenze come: danni progressivi agli organi vitali, debolezza muscolare, convulsioni, insufficienza renale e respiratoria.

HPP può avere esordio infantile e, in tal caso, i sintomi si manifestano entro i primi 6 mesi di vita. I neonati sviluppano anomalie scheletriche, presentano ritardi nella crescita e manifestano crisi da insufficienza respiratoria.
I neonati che sviluppano i sintomi prima dei 6 mesi di età hanno una prognosi molto difficile, con un tasso di mortalità di circa il 50 % . I pazienti con esordio giovanile, invece, manifestano i sintomi (tra cui complicanze respiratorie , fratture dolorose, debolezza muscolare) tra i 6 mesi e i 18 anni di età.

Il farmaco sperimentale in questione rappresenta la possibilità di una terapia enzimatico-sostitutiva (ERT) che mira a normalizzare il processo metabolico, prevenendo i numerosi danni che insorgono con il progredire della malattia.

Lo studio condotto dai ricercatori di Alexion Pharmaceuticals ha coinvolto 15 tra neonati e bambini affetti da HPP (ad insorgenza infantile), con un’età media di  21,14 settimane. La prima fase dello studio (dal basale alla 24° settimana) ha avuto lo scopo di valutare i miglioramenti ottenuti a livello del sistema scheletrico, mentre gli endpoints secondari hanno compreso la valutazione dello stato respiratorio , la sopravvivenza globale, la sicurezza e la tollerabilità del farmaco.

Secondo i risultati dello studio, presentati al Paediatric Endocrinology Meeting di Milano, i pazienti affetti da HPP e trattati con Asfotase Alfa avrebbero avuto, come si è osservato da esami radiografici effettuati alla 24° settimana, un miglioramento significativo nella mineralizzazione scheletrica rispetto al basale.
Questa risposta positiva è stata osservata fin dalle prime 12 settimane e il miglioramento si è mostrato più stabile e continuo alla 48° settimana. Si sarebbe rilevato anche un miglioramento nella condizione respiratoria (principale causa di morte nei pazienti con HPP) di una buona percentuale di pazienti.

Asfotase Alfa è stato ben tollerato e gli effetti collaterali più comuni sono stati lievi o moderati, con reazioni nel sito di iniezione del farmaco come: arrossamento , perdita di pigmentazione  e indurimento della cute.

Già nel 28 Maggio scorso la FDA aveva riconosciuto un valore innovativo al farmaco dell’Alexion conferendo la breakthrough designation

Articoli correlati

Sportello legale OMaR

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

7 Giorni Sanità

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Nico è così

"Nico è così" - Un romanzo che dà voce ai giovani con emofilia

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni