Una terapia di combinazione iniziale costituita da ambrisentan e tadalafil nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare senza trattamento pregresso, porta a un rischio significativamente inferiore di eventi clinici di scompenso rispetto al rischio determinato da una monoterapia con i due stessi principi attivi.

È la conclusione dello studio AMBITION, i cui risultati – presto esposti dettagliatamente all’ESC 2015 di Londra – sono stati appena pubblicati sul New England Journal of Medicine, con la prima firma di un ricercatore italiano, Nazzareno Galié, dell’Università di Bologna.
Lo studio di fase 3b/4 randomizzato e in doppio cieco è la prima ricerca di outcomes che mette a confronto sicurezza ed efficacia della terapia sperimentale di combinazione tra ambrisentan e tadalafil in confronto alla monoterapia di prima linea con i due farmaci in pazienti naive con ipertensione arteriosa polmonare in classe funzionale II e III della scala OMS/NYHA.

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni