Dallo studio OSLER  sono giunte ulteriori conferme relative alla sicurezza e all’efficacia dell’anti-PCSK9 evolocumab – associato ad una terapia con statine - nel ridurre i livelli di colesterolo-LDL unitamente alla prima dimostrazione del raggiungimento di end-point cardiovascolari rilevanti. Fugato anche il dubbio che una terapia di tipo cronico così potente potesse determinare effetti collaterali a lungo termine.

Sicurezza e tollerabilità sono state infatti confermate a 2 anni da una dettagliata analisi degli eventi avversi. In ogni caso un altro ampio studio attualmente in corso, il FOURIER, affronterà in modo diretto gli effetti di evolocumab sugli eventi cardiovascolari, così come la sua sicurezza a lungo termine.

Clicca qui per maggiori informazioni.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni