In uno studio pubblicato su JAMA, un gruppo di studiosi coordinati da Marc S. Sabatine, del Brigham and Women Hospital e Harvard Medical School di Boston, ha valutato l'associazione tra la riduzione del colesterolo legato alle lipoproteine a bassa densità (LDL) e la relativa riduzione del rischio cardiovascolare (CV) attraverso l’impiego di diverse statine e di terapie “non-statine”.

Il colesterolo-LDL è un fattore di rischio ben noto per le malattie CV – ricordano gli autori dello studio - e il beneficio clinico della sua riduzione in circolo mediante l’uso di statine rimane ampiamente accettato. Al contrario, il beneficio clinico comparativo delle terapie “non-statine” che riducono il colesterolo-LDL rimane incerto.
Per questo motivo, gli autori hanno condotto una revisione con meta-analisi di 49 studi clinici che soddisfacessero precisi criteri di inclusione: trial clinici randomizzati con riportati outcomes clinici tra i quali l’infarto del miocardio (IM). Lo studio ha incluso un totale di 312.175 partecipanti con 39.645 eventi vascolari maggiori e 9 diverse tipologie di intervento per la riduzione del colesterolo-LDL.

Per saperne di più clicca qui.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni