E’ stata l’associazione a portare la maggior partecipazione

In occasione della manifestazione Walk of life, organizzata da Telethon in tutta Italia per portare sul territorio un forte messaggio di solidarietà e raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica sulle malattie genetiche e rare, l'Associazione Immunodeficienze Primitive (AIP onlus) ha annunciato con orgoglio di aver vinto il premio del maggior numero di partecipanti.
Un risultato molto importante se si pensa che in alcune città, come Milano, l'appuntamento di sport e solidarietà è caduto proprio nel mezzo della settimana dedicata.

Era una grande occasione, ma con qualche rischio. Quando il Presidente dell’Associazione AIP, Alberto Barberis, ha ricevuto la richiesta di partecipare all’incontro di  Walk of life a Milano si è chiesto, come del resto l'intera onlus, come fare a coinvolgere la gente e contemporaneamente organizzare l’evento già concordato con Telethon (23 Aprile) che ha visto l'AIP promotore nella settimana Mondiale delle Immunodeficienze Primitive.

Insomma, due eventi in un periodo tra Feste Pasquali e  ponti era proprio una bella sfida, che hanno però deciso di accettare. L’intera Aip ha fatto forza sulla sua ‘mission’: “migliorare le condizioni di vita delle persone affette da immunodeficienze primitive attraverso la tutela dei diritti, la vicinanza e il sostegno alla ricerca medico-scientifica”, e con questa chiara in mente sono andati avanti con grande determinazione.

Lo slogan con cui hanno scelto di gareggiare è stato "IO CORRO PER CATERINA SIMONSEN". Caterina è una ragazza affetta da immunodeficienza primitiva e altre tre malattie rare: è sempre stata vicina all'Associazione AIP, iscrivendosi innanzitutto e fornendo in seguito delle indicazioni pratiche per tutelare i diritti dei pazienti. Ha proposto all'INPS di trovare una soluzione per garantire ai malati rari il riconoscimento di una corretta percentuale di invalidità.

Il giorno è arrivato, tutto si è svolto e il risultato è stato sorprendente. Sul Palco della Premiazione è stata chiamata l’Associazione Immunodeficienze Primitive per aver vinto il premio del maggior numero di partecipanti.

L'AIP ha così commentato: “Quando si ha un obiettivo è tutto diverso: la fatica non pesa, la stanchezza non si fa sentire.”

Il messaggio lanciato è proprio questo: “continuare a correre insieme alla Ricerca e alla Comunità scientifica e clinica, alle quali chiediamo di correre anche contro il tempo; alle quali chiediamo di collaborare, anche contro le logiche speculative della Politica e delle Istituzioni; alle quali, noi Associazioni, doniamo, e non è poco, l’esempio semplice e sincero del volontariato”.




 

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni