Il farmaco permette la somministrazione di immunoglobulina umana al 20% per via sottocutanea. È destinato a pazienti adulti e pediatrici

Roma – Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale serie generale n. 223 del 23 settembre 2016 (determina V&A n. 1362/2016 del 12 settembre 2016) AIFA ha autorizzato l’immissione in commercio in classe C(nn) di Cuvitru, Immunoglobulina umana normale al 20% per somministrazione sottocutanea destinata al trattamento di immunodeficienze primitive e secondarie di pazienti adulti e pediatrici. Le immunodeficienze primitive sono generalmente ereditarie e in larga parte determinate da un difetto di geni implicati nei normali meccanismi di risposta immunitaria. Si stima che in Italia possano esserci circa 5000 pazienti tra adulti e pediatrici.

Con l’avvento di questa nuova opzione terapeutica, Shire, a seguito dell’integrazione con Baxalta, è oggi l’unica azienda ad offrire la gamma completa delle opzioni infusionali disponibili sul mercato per quel che concerne i prodotti a base di Immunoglobuline (IG). Infatti vengono offerte quelle per via   intravenosa, quelle per via sottocutanea al 20% e quelle per via sottocutanea facilitata.
“Con l’approvazione di questa specialità in classe C(nn) Shire amplia anche in Italia l’offerta di trattamenti con Immunoglobuline (IG) rivolti a pazienti con immunodeficienze primitive”, Fabrizio Capetta, Franchise Head Immunology Italy, Shire.
Dopo l’autorizzazione all’immissione in commercio in classe C(nn), Shire avvierà con AIFA il processo di negoziazione del prezzo e della classe di rimborsabilità.

Le immunodeficienze primitive (PI) rappresentano un gruppo di oltre 300 patologie in cui la funzionalità del sistema immunitario è compromessa in parte o del tutto.
Normalmente il sistema immunitario protegge il corpo da microrganismi patogeni, come batteri, virus e funghi, che possono causare malattie infettive. Nel caso di compromissione del sistema immunitario, l’individuo diventa suscettibile a infezioni resistenti e ricorrenti che possono portare fino al danno irreversibile dell’organo.
Quando un difetto nel sistema immunitario è geneticamente determinato si parla di immunodeficienza primitiva.
Si stima che nel mondo fino a sei milioni di bambini e adulti possono essere affetti dalle immunodeficienze primitive.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni