“Per anni l'unica speranza per i pazienti IPF è stata il trapianto – spiega il Prof. Paul W. Noble, direttore del Dipartimento di Medicina del Cedars-Sinai Mediacla Center di Los Angeles, California - Il pirfenidone ha oggi dimostrato, grazie allo studio ASCEND, che il declino della funzionalità polmonare è stato ridotto della metà, in un anno di terapia.”


L’intervista è stata realizzata da Osservatorio Malattie Rare durante l’AIR Meeting 2014, svoltosi a Roma il 27 e 28 giugno 2014 grazie al sostegno di InterMune.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni