Il Ganciclovir, farmaco antivirale utilizzato per ridurre la mortalità causata da virus in seguito a trapianto polmonare, potrebbe aumentare la resistenza nei pazienti trapiantati affetti da fibrosi cistica. Lo riporta uno studio pubblicato sulla rivista ufficiale della società di trapianti, Transplant Infectious Disease, a seguito di una revisione sistemica nel Loyola University Medical Center su 51 pazienti sottoposti al trapianto di polmone tra marzo 2007 e giugno 2008.

Lo studio, pertanto, suggerisce un monitoraggio sui pazienti affetti da fibrosi cistica, per verificare se ci sono livelli terapeutici del Ganciclovir nel loro organismo.

La notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni