Grazie ai finanziamenti si sosterrà un progetto di Cura, l’ambito più votato

Se qualche cosa va fatto per le persone affette da malattie rare per i clienti di Vodafone la voce ‘Cura’ è più importante di qualsiasi altra. Lo hanno dimostrato attraverso i voti che hanno espresso sull’iniziativa ‘Sosteniamo il Futuro’ di Fondazione Vodafone Italia, un metodo di ‘responsabilità condivisa’ che ha portato ala selezione tra i vincitori della Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus che ha partecipato con il progetto ‘Sport e Fibrosi Cistica? Perché no!’  .

I clienti Vodafone hanno infatti avuto l’opportunità di contribuire direttamente a orientare la scelta dei progetti che la Fondazione Vodafone Italia dovrà sostenere, dando la propria preferenza all’ambito “Cura”. In un nuovo approccio di responsabilità condivisa, 59.299 Clienti Vodafone hanno espresso la propria preferenza in quest’ordine: Cura: 24.345 pari al 41 per cento, Accoglienza: 23.064, pari al 39 per cento, Crescita: 11.890, pari al 20 per cento.

La Lega Italiana Fibrosi Cistica si è detta molto soddisfatta di come il proprio progetto, grazie ai finanziamenti che otterrà, potrà promuovere la cura della malattia, portare sollievo alle famiglie dei pazienti e sviluppare azioni concrete di sostegno e reinserimento nella vita sociale di giovani e bambini che sono affetti dalla malattia, e quindi colpiti nella persona e nella dignità.
“È un grande successo –  afferma Franco Berti, Presidente della Lega Italiana Fibrosi Cistica – sono orgoglioso del lavoro svolto, pertanto ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a far sì che questo progetto possa finalmente concretizzarsi. Ringrazio coloro che hanno curato i rapporti con la Fondazione Vodafone, regalandoci l’opportunità di partecipare alla selezione. Ringrazio coloro che quotidianamente hanno lavorato con professionalità e impegno alla diffusione del progetto. Ringrazio le Associazioni Regionali, con i Presidenti e i Soci, i Comitati Provinciali e i singoli Volontari che si sono mobilitati per raggiungere questo importante traguardo. Infine, ringrazio l’azienda Briko e le federazioni sportive partner (FIBS, FIPSAS, FITRI), che non si sono tirate indietro nel supportare la nostra causa. Questo risultato sancisce anche il ruolo di LIFC come soggetto nazionale, capace di gestire progetti ambiziosi con la stretta collaborazione del territorio. E’ la dimostrazione che uniti possiamo fare grandi cose!”.



 

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni