La somministrazione monogiornaliera di eslicarbazepina acetato, un nuovo trattamento antiepilettico per soggetti adulti con epilessia parziale, in aggiunta alla monoterapia antiepilettica negli adulti, ha dimostrato di essere ben tollerata, con tassi di ritenzione significativi e un buon controllo delle crisi.

E’ quanto emerge dai primi risultati del programma di studio del trial non interventistico EPOS (Eslicarbazepine acetate in Partial-Onset Seizure) presentati questa settimana in occasione del primo congresso dell'Accademia europea di neurologia (EAN) tenutosi a Berlino in Germania.
A sei mesi è stato registrato un tasso di ritenzione dell'82,2% (intervallo di confidenza al 95% [IC] 76,5-87%) e un alto tasso di assenza di crisi del 39,2% (intervallo di confidenza al 95% [IC] 32,2-46,5%). Eslicarbazepina acetato è stato ben tollerato, con eventi avversi riferiti in 57 (26,0%) pazienti.[2]

Per saperne di più leggi qui.

Articoli correlati

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni