Lo studio di fase III sulla terapia sperimentale dell'emofilia sviluppata dalla casa farmaceutica Baxter e nota per adesso con la sigla BAX 817, ha superato l’end point primario con la risoluzione di episodi emorragici acuti a 12 ore. Lo studio è stato condotto in pazienti di sesso maschile in età compresa dai 12 ai 65 anni affetti da emofilia A o B e presenza di inibitori.

Lo studio ha mostrato che il trattamento on-demand con BAX 817 ha avuto un tasso di successo globale del 92 per cento, mentre l’89 per cento dei pazienti ha raggiunto un controllo sostenuto dell’emorragia per tutti gli episodi emorragici acuti 24 ore dopo l'infusione del farmaco sperimentale. Baxter ha detto che i risultati completi dello studio, tra cui i dati di efficacia e sicurezza dei risultati supplementari, saranno presentati nel corso dell’anno in uno dei congressi scientifici sull’emofilia e prevede di avviare la presentazione del dossier registrativo alle autorità regolatorie.

Per maggiori approfondimenti leggi qui.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni