In concomitanza con la Giornata delle Malattie Rare e considerato il suo costante impegno per la comunità mondiale nel campo delle patologie della coagulazione, CSL Behring ha annunciato nei giorni scorsi la donazione di 2 milioni di Unità Internazionali (UI) di proteine terapeutiche al WFH (World Federation Hemophilia). Il WFH, è un’organizzazione no profit internazionale che lavora per migliorare la vita delle persone affette da emofilia e altre patologie della coagulazione.

La donazione supporta il progetto GAP (Global Alliance for Progress) che ha lo scopo di migliorare la diagnosi e il trattamento delle patologie della coagulazione nei paesi in via di sviluppo. CSL è stata la prima azienda biofarmaceutica a supportare per più anni il WFH nel progetto GAP, con donazioni di fattori della coagulazione, sin dal 2009. La Giornata delle Malattie Rare del 28 Febbraio è coordinata dall’Organizzazione Europea delle Malattie Rare (EURORDIS) e da diverse associazioni nazionali e organizzazioni di pazienti in tutto il mondo.

“Siamo molto orgogliosi del progresso del progetto GAP e siamo grati a CSL Behring per la generosa donazione” ha riferito Alain Weill, presidente WFH. “Ci auguriamo di poter continuare la nostra partnership con CSL Behring nell’intento di raggiungere il nostro obiettivo, rendere disponibili concentrati di fattori della coagulazione nei paesi in via di sviluppo, dove chi convive con patologie della coagulazione non è ancora in grado di accedere a terapie appropriate”.

“CSL Behring è impegnata nel migliorare la qualità di vita delle persone affette da malattie rare” riferisce Paul Perreault, CEO e Managing Director di CSL Limited. “Il programma GAP ha fatto progressi enormi negli anni e continua a perseguire il nostro obiettivo di fornire una significativa differenza nella vita delle persone che convivono con gravi malattie, come Emofilia o Malattia di von Willebrand“.

Dal 2012, CSL Behring ha donato circa 7,7 milioni di UI di bioterapie rivolte al trattamento di disturbi della coagulazione al fine di trattare persone affette da Emofilia e malattia di von Willebrand nei paesi in via di sviluppo.

Il programma GAP è un progetto di sviluppo sanitario iniziato nel 2003 che ormai ha superato i 10 anni di attività. L’obiettivo del programma GAP è di aumentare la capacità di diagnosi e il trattamento di persone affette da Emofilia e da altre patologie della coagulazione nei paesi in via di sviluppo.
Il programma ha lo scopo di colmare il divario (“CLOSE THE GAP”) esistente tra i nati con Emofilia e chi riesce a raggiunge l’età adulta, il gap tra il numero stimato di persone affette e diagnosi effettuate, e la differenza tra la quantità di terapie richieste verso quelle attualmente disponibili.
CSL Behring supporta il programma GAP della WFH come sponsor.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni