Sul circuito alle porte di Roma si è discusso di sicurezza stradale.
L'ex pilota di Formula 1 ha consegnato ai giovani emofilici i bracciali Sa.Me.Da® L.I.F.E.

FedEmo e Ivan Capelli di nuovo insieme. La i e l'ex pilota di Formula 1 hanno rinsaldato il legame nato lo scorso 10 aprile durante la X Giornata Mondiale dell'Emofilia.
L'occasione è stata l'ultima tappa del campionato "Lotus Cup Elise", che si è svolta nel fine settimana del 25-26 ottobre scorso sul circuito di Vallelunga, alle porte di Roma.

Una giornata ricca di emozioni quella vissuta dai giovani della FedEmo: Ivan Capelli ha infatti consegnato loro il braccialetto Sa.Me.Da.® L.I.F.E. Local Infomed For Emergency, supporto che garantisce una maggiore sicurezza nell'emergenza medica.

I ragazzi hanno poi provato l'emozione di guidare sicuri. Cinture ben allacciate ed assistiti da validi istruttori, hanno riprodotto, nella massima sicurezza, alcune situazioni di pericolo: dall'acquaplanning alla guida in condizioni di scarsa aderenza, dal sottosterzo al sovrasterzo, fino a muri d'acqua a simulare ostacoli improvvisi.

"Insieme al mio collega della Lotus, Marco Coldani - ha dichiarato Ivan Capelli - siamo orgogliosi di aver portato in pista i colori della FedEmo. Al di là del divertimento, gli esercizi fatti al volante delle vetture del Centro di Guida Sicura ACI di Vallelunga hanno fatto capire a questi giovani le dinamiche del veicolo e l'emergenza, tema legato a doppio filo al braccialetto Sa.Me.Da.".

"Il messaggio lanciato dai nostri ragazzi - ha aggiunto il Dott. Romano Arcieri, Segretario Generale FedEmo - è ricco di significati: il più importante è quello che l'emofilia e lo sport, in questo caso lo sport automobilistico, possono convivere. Ancora di più se fatto in sicurezza e supportato da validi strumenti tecnologici".

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni