Il programma sostiene ricerca di base, ricerca clinica e programmi di formazione in emofilia

C’è tempo fino al 30 novembre per proporre la candidatura al Bayer Hemophilia Award, programma nato nel 2002 con l’intento sostenere ricerca di base, ricerca clinica e programmi di formazione in emofilia attraverso sovvenzioni erogate a ricercatori, borsisti e altri professionisti che lavorano nel settore. Un impegno economico importante che ha raggiunto quasi 30 paesi nel mondo per un totale di 26 milioni di dollari di investimenti dal 2002 ad oggi.


Il programma 2014-2015 si arricchisce inoltre di una nuova categoria, Outcomes Research Award che si aggiunge alle ormai note:

Special Project Award, specifico per progetti singoli o multicentrici di ricerca clinica o di base.
Early Career Investigator Award, a sostegno dei giovani ricercatori universitari.
Caregiver Awards, per promuovere il ruolo fondamentale svolto dagli assistenti domiciliari e dal personale sanitario che si occupa dell'assistenza dei pazienti emofilici.
Clinical Training Awards, per favorire lo sviluppo di competenze cliniche specifiche per intraprendere la carriera sanitaria nel campo dell'emofilia.

Ricordiamo che l'edizione 2014 ha visto la premiazione di ben quattro ricercatori italiani, che grazie al programma hanno potuto approfondire ulteriormente il proprio settore di ricerca.

E’ possibile inviare la propria candidatura per partecipare all’edizione 2014-2015: la lettera di intenti, scritta in Inglese con la descrizione del progetto in non più di 500 parole, deve pervenire entro il 30 novembre 2014.

Tutte le informazioni per la partecipazione e le informazioni sulle categorie di premi sono disponibili all’indirizzo www.bayer-hemophilia-awards.com.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni