Sono stati recentemente presentati i risultati preliminari dello studio di fase 3 Guardian™2 su turoctocog alfa, il primo fattore VIII della coagulazione ricombinante (rFVIII) già approvato a fine 2013 per la profilassi e il trattamento "on demand" dei sanguinamenti in pazienti affetti da emofilia A.
Secondo tali risultati l’impiego di turoctocog alfa, in profilassi 1, ridurrebbe nel lungo periodo i sanguinamenti.

Margareth Ozelo, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “La riduzione degli episodi di sanguinamento è il nostro obiettivo fondamentale perché, oltre a spaventare e preoccupare i pazienti e i loro familiari, possono essere molto dolorosi e, nel lungo periodo, provocare gravi danni alle articolazioni e l’insorgere di malattie reumatiche”.

 

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni