L’uso di octocog alfa (Kogenate ®) nei pazienti affetti da emofilia A non precedentemente trattati con altri farmaci, non è legato ad alcun aumento del rischio di sviluppare anticorpi inibitori del fattore VIII rispetto ad altri prodotti ricombinanti o plasmaderivati. Lo ha confermato la Commissione europea, che ha sostenuto il punto di vista dell’azienda produttrice, Bayer healthcare, basati sul recente studio RODIN, pubblicato sul New England Journal of Medicine.

 

La decisione della Commissione europea ha seguito le raccomandazioni del comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ), e la precedente raccomandazione del comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ).

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa ufficiale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni