USA - Pfizer ha reso nota la pubblicazione dei positivi dati di efficacia provenienti da uno studio clinico di Fase III in cui il farmaco BeneFIX® è stato utilizzato in regime di profilassi su un gruppo di persone affette da emofilia B in forma moderata o grave. I risultati sono stati riportati dalla rivista specializzata Haemophilia ed evidenziano che la terapia è stata in grado di ottenere una significativa riduzione del tasso annualizzato di sanguinamento (ABR) dei pazienti.

Nello studio in questione, la profilassi con BeneFIX è stata valutata in confronto ad un trattamento on-demand, ossia in caso di bisogno dovuto ad emorragia in atto. Il farmaco è stato somministrato ai partecipanti in una dose settimanale da 100 UI/kg, studiata per la prevenzione degli episodi di sanguinamento provocati dalla malattia.

BeneFIX è un costituito da una forma ricombinante di 'fattore IX della coagulazione' (FIX) ed è già approvato negli USA e in Europa per il trattamento e la profilassi degli eventi emorragici associati ad emofilia B.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni