Duchenne: risultati positivi per givinostat

La molecola ha appena ottenuto l’immissione in commercio negli USA

Un’ottima notizia per le famiglie Duchenne arriva da una realtà tutta italiana: Italfarmaco S.p.A. ha infatti annunciato la pubblicazione su The Lancet Neurology dei risultati completi dello studio clinico di Fase III EPIDYS sull'impiego del farmaco givinostat in pazienti deambulanti di età pari o superiore a 6 anni affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD). Lo studio clinico EPIDYS ha raggiunto l'endpoint primario: la variazione nella valutazione della salita dei quattro gradini dal basale a 72 settimane, dimostrando il potenziale di givinostat nel ritardare la progressione della malattia quando aggiunto al trattamento con corticosteroidi.

Il farmaco, scoperto grazie agli sforzi di ricerca e sviluppo del Gruppo Italfarmaco, in collaborazione con Telethon e Duchenne Parent Project ODV, ha ricevuto appena qualche giorno fa l’autorizzazione all'immissione in commercio (New Drug Application, NDA) dalla FDA statunitense. Una domanda di autorizzazione all'immissione in commercio (Marketing Authorisation Application, MAA) per givinostat è stata presentata anche all'Agenzia Europea per i Medicinali (European Medicines Agency, EMA) ed è attualmente in fase di revisione.

IL FARMACO GIVINOSTAT PER LA DISTROFIA DI DUCHENNE

Givinostat, dal punto di vista tecnico, è un inibitore dell'istone deacetilasi (histone deacetylase, HDAC) che modula l'attività deregolata delle HDAC nel muscolo distrofico, che è una delle principali conseguenze della mancanza di distrofina associata alla DMD. Il meccanismo d'azione di givinostat ha il potenziale di inibire l'iperattività patologica delle HDAC nel tentativo di interferire nella cascata di eventi che portano al danno muscolare, contrastando così la fisiopatologia della malattia e rallentando il deterioramento muscolare.

Il farmaco, in formulazione orale, è stato approvato negli Stati Uniti per i pazienti con DMD dai sei anni d’età, con qualsiasi variante genetica di patologia. Il farmaco sarà commercializzato con il nome di Duvyzat.

IL SUCCESSO DELLO STUDIO CLINICO E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE NEGLI USA

“La DMD è una malattia degenerativa irreversibile, con un significativo bisogno medico insoddisfatto e givinostat è potenzialmente in grado di apportare benefici ad un'ampia popolazione di pazienti affetti da DMD indipendentemente dalla mutazione genetica sottostante”, ha dichiarato Eugenio Mercuri, Professore di Neurologia Pediatrica all'Università Cattolica di Roma, Italia. “In generale, il gruppo trattato con givinostat ha ottenuto risultati migliori rispetto al gruppo di controllo in una serie di test di funzionalità e forza muscolare a 72 settimane”.

“Nella gestione della DMD, l'obiettivo primario è quello di mantenere la funzione motoria il più a lungo possibile. I risultati di EPIDYS forniscono una prova significativa del fatto che givinostat ha il potenziale per sostenere questo obiettivo”, ha aggiunto Craig M. McDonald, MD, professore presso il Dipartimento di Pediatria e Medicina Fisica Riabilitativa dell'Università della California Davis Health. “Oltre all'endpoint primario, l'analisi del North Star Ambulatory Assessment (NSAA), che misura le capacità motorie sulla base di una scala di valutazione con 17 capacità, ha mostrato che il trattamento con givinostat ha comportato un declino inferiore del 40% rispetto al gruppo di controllo. Nel complesso, questi dati suggeriscono che givinostat potrebbe essere un nuovo trattamento efficace per la gestione della DMD”.

"L'approvazione di givinostat per la DMD da parte della FDA, basata su un programma di sviluppo clinico solido e di successo, riflette l'impegno di Italfarmaco nel fornire una terapia sicura e di comprovata efficacia che possa avere un impatto significativo sulle persone affette da DMD", ha dichiarato Paolo Bettica, Chief Medical Officer di Italfarmaco Group. "Siamo grati per il sostegno delle persone affette da Dmd e dei loro assistenti, che hanno svolto un ruolo fondamentale nell'aiutarci a raggiungere questa importante approvazione della FDA. Il nostro obiettivo è ora quello di rendere givinostat disponibile al più presto negli Stati Uniti come trattamento per la gestione della DMD".

PANORAMICA DELLO STUDIO CLINICO DI FASE 3 EPIDYS

EPIDYS è stato uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di Fase III, che ha arruolato 179 ragazzi deambulanti di età pari o superiore a 6 anni, affetti da DMD, in centri clinici del Nord America e dell'Europa (NCT02851797). I partecipanti sono stati randomizzati in proporzione 2:1 per ricevere givinostat orale o placebo due volte al giorno insieme al regime di trattamento con corticosteroidi. I partecipanti sono stati sottoposti a visite presso i centri clinici ogni 12 settimane per 72 settimane e sono stati valutati per tutti gli endpoint previsti dal protocollo di studio.

Principali risultati clinici a support del potenziale di givinostat nel migliorare i risultati clinici nella DMD (informazioni fornite dall’azienda Italfarmaco S.P.A.):
Endpoint primario: Lo studio ha raggiunto l'endpoint primario, che misurava la variazione media tra il basale e le 72 settimane nella capacità di salire quattro scale. I partecipanti che hanno ricevuto givinostat hanno mostrato un declino più lento nell'esecuzione di questo test funzionale rispetto al gruppo placebo (differenza rispetto al placebo di 1,78 secondi, p=0,037).
Endpoint secondari chiave: una serie di endpoint secondari che hanno valutato la funzione e la forza muscolare hanno mostrato risultati favorevoli nella coorte trattata con givinostat rispetto al gruppo di controllo. In particolare, il trattamento con givinostat è stato associato a una riduzione del 40% del declino del punteggio totale della NSAA e della perdita di capacità, indicando il potenziale di givinostat nel ritardare la progressione della malattia nei soggetti affetti. Lo studio EPIDYS ha anche valutato l'infiltrazione di grasso nel muscolo vasto laterale (VL) della coscia mediante risonanza magnetica. La frazione di grasso del vasto laterale (VLFF) è un fattore predittivo della perdita di deambulazione e indica la progressione della malattia nei soggetti DMD. I soggetti trattati con givinostat hanno mostrato una riduzione del 30% della VLFF rispetto alla coorte trattata con placebo. Nel complesso, le analisi degli endpoint secondari hanno mostrato un ritardo nella progressione della malattia con il trattamento con givinostat.
Sicurezza e tollerabilità: durante lo studio, gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento (frequenza ≥1/10 ragazzi) associati a givinostat sono stati la diminuzione della conta piastrinica/trombocitopenia, l’aumento dei trigliceridi/ipertrigliceridemia nel sangue, la diarrea e il dolore addominale; nessuno degli eventi avversi gravi o severi era correlato al trattamento o ha comportato il ritiro dallo studio. La tollerabilità di givinostat è stata gestita con un adeguato monitoraggio e aggiustamenti della dose. Non sono stati osservati altri problemi di sicurezza.

Studio clinico di estensione in aperto (studio OLE): al termine del periodo in doppio cieco di 18 mesi, i partecipanti dello studio EPIDYS potevano essere inclusi in uno studio di estensione in aperto (studio OLE) per ricevere givinostat in modo continuativo. Il follow-up mediano dei partecipanti agli studi EPIDYS + OLE è di 4,7 anni.

Givinostat ha ricevuto la revisione prioritaria (“priority review”), la designazione di farmaco orfano (“orphan drug”) e di malattia pediatrica rara (“rare pediatric disease”) dalla FDA e la designazione di farmaco orfano dalla Commissione Europea.

 

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni