L’angioedema ereditario non sempre viene diagnosticato tempestivamente e troppo spesso viene scambiata per una banale allergia.
Quali sono dunque i sintomi che potrebbero far sospettare questa rara patologia? E quali sono le terapie disponibili? Lo spiega la dr.ssa Maria Bova, del Centro di Riferimento Campano per la Diagnosi e la Terapia dell'Angioedema Ereditario presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II.

L’angioedema ereditario (HAE) è una patologia rara e gravemente disabilitante che in Italia colpisce più di 1000 pazienti: alcuni di loro in questo video ci hanno raccontato la loro esperienza.

Si tratta di una malattia genetica causata dall’assenza di una proteina del sangue, il C1 inibitore, che provoca la formazione di gonfiori (edemi) sulla pelle, nelle mucose e negli organi interni. Solitamente gli attacchi si risolvono spontaneamente, ma senza una corretta terapia alcuni casi possono essere fatali.
Per questo è fondamentale conoscere la malattia: Osservatorio Malattie Rare lancia quindi la campagna ‘Angioedema ereditario: conoscerlo per comprenderlo’.
Condividi anche tu i nostri contenuti usando gli hastag #angioedema #conosciHAE!

Per saperne di più visita la nostra sezione dedicata all’ANGIOEDEMA EREDITARIO.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni