L’opicapone (OPC), un inibitore delle catecol-O-metiltransferasi (COMT), potrebbe rivelarsi una nuova e promettente terapia per i pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD).

Secondo uno studio apparso sull’European Journal of Neurology, infatti, in tali soggetti l’OPC diminuirebbe in modo significativo l'attività delle COMT senza comportare tossicità cellulare, aumenterebbe l'esposizione sistemica alla levodopa (finora il trattamento sintomatico più efficace per il Parkinson) e migliorerebbe la risposta motoria. Inoltre si è dimostrato più efficace dell’entacapone e del tolcapone, gli unici inibitori di COMT al momento disponibili. Attualmente OPC è in fase III di sviluppo.
Per approfondire la notizia clicca qui.

 

Articoli correlati

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni