Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare “Sono pochi i fondi per la ricerca sulle #malattierare , occorre una strategia condivisa.” Il messaggio lanciato da @francescapasi DG @Telethonitalia in occasione di una recente audizione alla Camera. bit.ly/2Kxd2Dr
About 13 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #SMA : buone notizie dalla Parte 2 dello studio clinico SUNFISH. I dati verranno condivisi con le autorità regolatorie di tutto il mondo e serviranno a supportare la richiesta di approvazione del farmaco. @famigliesma bit.ly/2NW98Wt
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Interrotto lo studio clinico con antimiostatina RG6206 per la #Duchenne . La molecola sperimentale anti-miostatina non si è rivelata efficace nel contrastare la perdita di tessuto muscolare. bit.ly/2NYr7Mf
About 16 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Amiloidosi hATTR: i parametri che influenzano la risposta alla terapia. Guarda la video-intervista alla prof.ssa Teresa Coelho, direttore dell'Unità hATTR del Centro Ospedaliero Universitario di Porto. #hATTR #amyloidosis youtu.be/JfFpR4yAsT0
About 17 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare L’ #Adenocarcinoma al #pancreas è l’unica neoplasia che in quarant’anni non ha registrato miglioramenti in termini di sopravvivenza. Entro il 2030 sarà la seconda causa di morte tra i #tumori . Lo studio di @ISHEOconsulting con @favo_it @TumorePancreas . bit.ly/2Kganxy
1 day ago.

Malattia di Parkinson e caffeinaSecondo un gruppo di ricercatori giapponesi testare i livelli di caffeina nel sangue potrebbe contribuire a una diagnosi precoce di questa patologia

Tokyo (GIAPPONE) – Testare i livelli di caffeina nel sangue potrebbe rappresentare un modo semplice per contribuire alla diagnosi della malattia di Parkinson. Lo sostiene uno studio giapponese pubblicato recentemente sull'edizione online di Neurology, la rivista dell'Accademia Americana di Neurologia. I ricercatori hanno rilevato che le persone affette da Parkinson hanno livelli di caffeina nel sangue significativamente più bassi rispetto a quelle senza la malattia, anche se consumano la stessa quantità di caffè.

“Studi precedenti hanno mostrato un legame tra la caffeina e un minor rischio di sviluppare la malattia di Parkinson, ma si conosce poco sul metabolismo di questa sostanza nelle persone con la malattia”, ha spiegato a Science Daily l'autore dello studio Shinji Saiki, della Juntendo University School of Medicine di Tokyo.

Secondo David G. Munoz, dell'Università di Toronto in Canada, che ha scritto un editoriale pubblicato insieme allo studio, i partecipanti al trial con uno stadio di malattia più grave non avevano livelli più bassi di caffeina nel sangue, il che suggerisce che la diminuzione si verifichi nella prima fase della malattia. “Se questi risultati fossero confermati, aprirebbero la strada a un semplice test per la diagnosi precoce della malattia di Parkinson, probabilmente anche prima che compaiano i sintomi”, ha detto Munoz. “Questo è importante perché la patologia è difficile da diagnosticare, specialmente nelle fasi iniziali”.

Lo studio ha coinvolto 108 persone affette da Parkinson per una media di circa sei anni e 31 persone della stessa età che invece non avevano la malattia. Il loro sangue è stato testato per la caffeina e per undici sottoprodotti che il corpo genera mentre metabolizza questa sostanza, e i loro geni sono stati analizzati alla ricerca di eventuali mutazioni che avrebbero potuto influenzare il metabolismo della sostanza.

I due gruppi consumavano circa la stessa quantità di caffeina, con una media equivalente a due tazze di caffè al giorno. Ma le persone con malattia di Parkinson avevano livelli ematici di caffeina significativamente più bassi e nove degli undici sottoprodotti della caffeina nel sangue. Nelle persone con la malattia di Parkinson, il livello di caffeina era in media di 24 picomoli per 10 microlitri, rispetto alle 79 picomoli per 10 microlitri nelle persone senza la malattia. Per uno dei sottoprodotti, il livello era inferiore alla quantità che poteva essere rilevata in più del 50% delle persone con malattia di Parkinson.

Nell'analisi statistica, i ricercatori hanno scoperto che il test poteva essere utilizzato per identificare in modo affidabile le persone con malattia di Parkinson, con un punteggio di 0,98, dove un punteggio di 1 significa che tutti i casi sono stati identificati correttamente. Nell'analisi genetica, non sono state evidenziate differenze tra i due gruppi nei geni convolti nel metabolismo della caffeina.

Uno dei limiti dello studio, però, è che non sono state incluse persone con malattia di Parkinson grave, il che potrebbe influire sulla capacità di rilevare un'associazione tra la gravità della malattia e i livelli di caffeina. Inoltre, Munoz ha osservato che tutte le persone affette da Parkinson stavano assumendo farmaci, ed è possibile che questi influenzino il metabolismo della caffeina.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni