Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Per evitare che alcune forme di #lipodistrofia siano confuse con l’obesità, è importante che i medici sappiano riconoscere questa malattia. Guarda l'intervista al prof. Luca Busetto, del Dipartimento di Medicina dell’ @UniPadova youtu.be/zpq0vcYDutA
About 15 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #ScreeningNeonatale per la SMA: la sua importanza per la comunità dei pazienti Guarda l'intervista a @daniela_lauro presidente di @FamiglieSMA #GiochiamodiAnticipo Il VIDEO bit.ly/2KBkUnb pic.twitter.com/NO8kovwhCr
About 17 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Nasce lo “Spazio Hopen”, un punto di riferimento per le famiglie che combattono ogni giorno contro una malattia genetica rara e sconosciuta. #FondazioneHopen bit.ly/2KAS46F
About 18 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Scarsa conoscenza da parte degli stessi medici, ritardo diagnostico e costi sociali enormi a carico dei pazienti. Riuniti a Messina i massimi esperti delle #Malattierare endocrino-metaboliche. bit.ly/35ik6vg
About 21 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Sono pochi i fondi per la ricerca sulle #malattierare , occorre una strategia condivisa.” Il messaggio lanciato da @francescapasi DG @Telethonitalia in occasione di una recente audizione alla Camera. bit.ly/2Kxd2Dr
1 day ago.

La malattia di Huntington (HD) è una patologia rara che può definirsi ‘ipercinetica’ per il fatto di comportare, come principale sintomo, quello di movimenti continui e scoordinati – tanto che in passato la malattia veniva anche identificata con il termine di ‘Corea’ che in greco significa danza – ma anche disturbi cognitivi e del comportamento il cui esordio avviene intorno ai 40-50 anni. La trasmissione della malattia è caratterizzata da una ereditarietà molto forte tanto che chi ha un genitore affetto dalla malattia ha il 50% di possibilità di svilupparla in età adulta. Attualmente la MH ha una prevalenza di circa 3 - 7 casi per 100.000 abitanti con discendenza europea occidentale.  Pur essendo stata descritta per la prima volta alla fine dell’800 ancora molti aspetti della malattia non sono del tutto chiari, soprattutto per quanto riguarda l’alterazione cognitiva di cui non è ancora stata stabilita la gravità, la tipologia e la frequenza. Ma secondo una studio americano appena pubblicato su Neurology potrebbe essere proprio a partire dai primi sintomi di disturbo cognitivo che si potrebbe prevedere un possibile sviluppo della malattia.

Il presupposto è quello che i disturbi cognitivi in questa malattia possono essere riscontrati  anche nel periodo che precede gli altri sintomi e la diagnosi, detto Pre HD. Applicando una metodologia simile a quella utilizzata per il decadimento cognitivo lieve (ad esempio, disfunzioni che non soddisfano i criteri per la demenza) la ricerca ha esaminato 160 pazienti ai quali non fosse stata fatta diagnosi di malattie. Su questi sono stati eseguiti test cognitivi di memoria episodica, velocità di elaborazione, funzionamento esecutivo, e percezione visuo-spaziale, del tutto simili a quelli che vengono usati per l’Alzheimer, mettendo poi a confronto con un gruppo di controllo i punteggi medi ottenuti. Il risultato è stato che quasi il 40% degli individui pre-HD soddisfacevano i criteri per MCI, cioè per disturbi cognitivi lievi, e le persone più vicino alla diagnosi HD avuto tassi più alti di MCI. Questi risultati sarebbero in linea con la letteratura dell’Alzheimer individuando nel 40% degli individui un calo cognitivo prodromico. Studi futuri dovrebbero dunque esaminare l'utilità di MCI come marker di declino cognitivo in pre-HD.




GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni