Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Serata finale della III Edizione di #afiancodelcoraggio . Il premio @RocheItalia ha lo scopo di far conoscere bisogni e desideri di chi è affetto da #Emofilia , dando sostegno e valore a chi vive al loro fianco. pic.twitter.com/eOipuHrNEU
About 12 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare#Sclerodermia , non mi prenderai il sorriso”. È questo il claim con cui il 29 giugno, per il 10° anno consecutivo, si celebrerà il #WorldSclerodermaDay promosso @Fscleroderma . In occasione di questa ricorrenza, domani a Roma, si terrà l’incontro dedicato alla patologia. pic.twitter.com/wtqxTSWtVE
About 15 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare In arrivo un nuovo farmaco per la #porfiria epatica acuta. Con il dr. Luca Barbieri dell' @IREISGufficiale , centro di riferimento della @RegioneLazio per queste patologie, abbiamo parlato di sintomi, diagnosi e opzioni terapeutiche. #Porphyrias bit.ly/31XNhTw
About 16 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il 23 giugno, si è tenuta la prima Giornata Mondiale di sensibilizzazione sull' #ipofosfatemia legata all'X , una rara e poco conosciuta malattia delle ossa. Presenti al meeting @XLH_Network , @Aismme e #AIFOSF . #XLHstrong #XLHawareness bit.ly/2INJ6T1
About 18 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Al via il Registro Italiano per la Ricerca Scientifica e Clinica sulla #SindromediAngelman , raccoglierà dati genetici e clinici dei pazienti. #RareDiseases #MalattieRare bit.ly/2KD1zDT
About 20 hours ago.

È prodotto con la tecnica del DNA ricombinante, ora i pazienti potranno scegliere

Per chi è affetto dalla malattia di Gaucher da oggi c’è una nuova opportunità terapeutica, i pazienti potranno scegliere la terapia per loro migliore e anche sentirsi al sicuro da eventuali carenze sul mercato di uno dei due farmaci. È infatti appena arrivato in commercio un nuovo enzima sostitutivo di produzione biotecnologica, realizzato con la modernissima tecnica del Dna ricombinante, che andrà ad affiancarsi a quello già esistente. Si tratta del Velaglucerasi alfa (Vpriv) prodotto dalla casa farmaceutica Shire, che va ad affiancarsi all’Imiglucerase (Cerezyme) prodotto da Genzyme. “Avere la possibilità di scegliere è fondamentale – ha spiegato Fernanda Torquati presidente di AIG Onlus - Associazione Italiana Gaucher - c’è chi reagisce meglio ad un farmaco e chi ad un altro. Magari uno provoca un dolore nel punto dell’iniezione e uno no, per i pazienti anche queste piccole cose contano”. La presenza di un secondo farmaco, inoltre, potrebbe essere un’alternativa in quei pazienti in cui l’utilizzo di uno ha prodotto un fenomeno di immogenicità, quella reazione degli anticorpi che può svilupparsi nel tempo e rendere meno efficace una terapia.     
Il principio d’azione di questo nuovo farmaco è comunque lo stesso del preesistente: sostituire gli enzimi che nel paziente sono carenti con altri in grado di svolgere lo stesso compito.
Nella malattia di Gaucher. come nelle altre malattie ‘da accumulo’ o ‘lisosomiali’, avviene infatti che l’attività di certi enzimi sia mancante o insufficiente e  non riesca a garantire il corretto smaltimento di alcune sostanza che si accumulano e danneggiano alcuni organi. La Malattia di Gaucher in Italia conta circa 250 casi ma non è escluso che ve ne siano alcuni non diagnosticati, adulti in cui la malattia non si è ancora manifestata poiché hanno ancora un minimo di attività enzimatica o bambini in cui i sintomi ancora lievi non hanno ancora condotto ad una diagnosi.     
Simili alla Malattia di Gaucher e appartenenti allo stesso gruppo di patologie lisosomiali sono la Malattia di Fabry e la Sindrome di Hunter, che possono dare complicanze più severe, giacché la prima colpisce il rene, i vasi cerebrali e il cuore e la seconda è caratterizzata da una grave compromissione ossea e neurologica. Anche queste malattie vengono trattate con la somministrazione degli specifici enzimi mancanti. Il limite di alcuni di questi enzimi è che non sempre riescono a penetrare a tutti i livelli, a volte, ad esempio, non riescono ad agire sull’accumulo a livello osseo o cerebrale e questo è un punto su cui la ricerca farmacologia sta lavorando.



Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni