Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Grazie ad un lavoro di squadra tra specialisti del @bambinogesu e dell’Ospedale di Circolo di Varese, sono state scoperte due rarissime malattie genetiche in tre bambini italiani. bit.ly/2uUhTJG
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Arriva l’autorizzazione al commercio per il farmaco destinato al trattamento dell’ #osteoporosi . La terapia è in grado sia di aumentare la formazione ossea che di ridurre la perdita di massa ossea. bit.ly/35UW7m0
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Anche quando sembra debellata, è in realtà sempre dietro l’angolo” Marta ci racconta la sua esperienza con la #Malattiapolmonare NTM La sua storia è inclusa all’interno del Libro Bianco sulla patologia a cura di OMaR e dell'associazione #AMANTUM bit.ly/2RqtYxO
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La diagnosi di #SMA è un momento delicato. Simona Spinoglio, coordinatrice del numero verde di @FamiglieSMA , racconta l’importanza di una presa in carico globale. Guarda l’intervista! bit.ly/2TDZ7kn #GiochiamodiAnticipo #ScreeningNeonatale pic.twitter.com/UgarBVewWJ
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Da @Telethonitalia 45 milioni per la ricerca. Un numeratore che sottolinea la grande partecipazione, generosità e fiducia degli italiani nei confronti della Fondazione che da 30 anni finanzia la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare. bit.ly/2QxXrGZ
12 days ago.

Intervista-video alla dr.ssa Francesca Menni, IRCCS Fondazione Cà Grande Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

A differenza di altre patologie X-linked, ossia legate al cromosoma X, nella malattia di Fabry, un elevato numero di femmine eterozigoti manifesta segni clinici che variano da quadri lievi a molto severi, sovrapponibili a quelli presenti nei maschi affetti dalla patologia. Da cosa dipende l’eterogeneità clinica della malattia di Fabry nelle pazienti di sesso femminile? L’argomento è stato approfondito il 22 e 23 novembre scorsi a Milano, durante l’evento “Time to Fabry”.

La malattia di Fabry è una patologia genetica dovuta a mutazione del gene GLA, con conseguente carenza dell’enzima alfa galattosidasi A. Nelle donne, l’estrema variabilità della condizione dipende dal diverso grado di inattivazione del cromosoma X, inattivazione che è tessuto-specifica, per cui il danno d’organo, nelle femmine con Fabry, dipende dal grado di mosaicismo tra cellule sane e malate. Per questo motivo, l’attività residua dell’enzima alfa galattosidasi A può essere assai diversa da una paziente all’altra.

Come ha precisato la dr.ssa Francesca Menni, UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura, IRCCS Fondazione Cà Grande Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, “l’eterogeneità fenotipica della malattia di Fabry nella donna è assolutamente superiore a quella che viene riscontrata nel maschio. Questa è dovuta ad una serie di fattori che sono legati al tipo di mutazione, all’inattivazione del cromosoma X, alla presenza di fattori epigenetici, alla presenza di mutazioni intra-geniche e alla presenza di numerosi altri fattori che sono attualmente in fase di studio”.

Nell’uomo, l’eterogeneità della malattia di Fabry è stata ampiamente descritta, mentre nella donna, ad oggi, se ne è parlato meno, pur essendo un aspetto di primaria importanza. “La sintomatologia presentata dalle donne è estremamente diversa da quella presentata dal maschio”, ha aggiunto la dr.ssa Menni. “È importantissimo, quindi, nell’ambito di una ricostruzione di una storia familiare, di un albero genealogico, prendere in considerazione tutti i soggetti della famiglia e anche sintomatologie molto diverse tra di loro, che vanno dal coinvolgimento cardiaco a quello renale e neurologico”.

Generalmente, in età pediatrica, le bambine con Fabry presentano soprattutto sintomi neurologici, a carico del sistema nervoso centrale e periferico, come dolori neuropatici, acroparestesie (formicolio e intorpidimento) alle mani e ai piedi e, in casi estremi, anche episodi di attacco ischemico transitorio (TIA) e ictus. In questi casi, il trattamento andrebbe iniziato fin da bambini, anche se l’approccio terapeutico per la malattia di Fabry in età pediatrica è poco discusso. La paziente, in ogni caso, va puntualmente seguita con un attento follow-up multidisciplinare, che coinvolga un cardiologo, un nefrologo e un neurologo.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni