Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Iniziato l’esame del disegno di legge a sostegno delle famiglie con bambini affetti da #malattierare . Il progetto è stato presentato dalla senatrice @paolabinetti da sempre paladina dei pazienti. bit.ly/30CZix6 pic.twitter.com/lx1t7dRh1x
About 7 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Dalla @RegioneMarcheIT un importante sostegno per le famiglie dei pazienti in età pediatrica affetti da una malattia rara: 1.000 euro al mese per i caregiver familiari. #MalattieRare bit.ly/2YKuTvb pic.twitter.com/Sc6r8pNeFL
About 8 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il prof. @Ferdi_Squitieri , Responsabile U.R. e Cura #Huntington @cssmendel e Direttore Scientifico della @LirhOnlus spiega l’importanza di una terminologia appropriata per definire le forme ad esordio giovanile della Malattia di Huntington. bit.ly/2VVaMNH
About 9 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Un'associazione nata per tutti i giovani parenti di pazienti, con la speranza che nessuno viva più la solitudine che lo ha segnato a causa della malattia di #Huntington . Su @OggiScienza la storia di Marco, Presidente di #NoiHuntington . @LirhOnlus oggiscienza.it/2019/05/22/corea-huntington-testimonianza/
About 13 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Approvazione delle due formulazioni di tafamidis da parte della @US_FDA . Questo nuovo trattamento per la #Cardiomiopatia amiloide correlata alla transtiretina riduce la mortalità e la frequenza dei ricoveri ospedalieri. bit.ly/2WftUW3 pic.twitter.com/vfhmvKU5lW
1 day ago.

La possibilità dello screening per i pazienti con malattia lisosomiale ha cambiato, in particolare, la storia della malattia di Fabry e la sua epidemiologia, a cominciare dalla percezione della sua frequenza: grazie ai risultati degli screening, che in questi 15 anni sono stati eseguiti in diverse popolazioni rischio, è stato messo in evidenza come questa patologia fosse meno rara di quanto si pensasse.

Di questo tema abbiamo parlato con il prof. Antonio Pisani, della U.O. di Nefrologia, Dipartimento di Sanità Pubblica, Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, in occasione del corso annuale "Time2Fabry, la Fabryca dell'esperienza", promosso da Shire e svoltosi il 16 e 17 novembre 2018 a Milano.

Lo screening su larga scala nella popolazione a rischio è sicuramente la soluzione più efficace, anche perché grazie alla possibilità di metodiche estremamente economiche e veloci, come l’esame sulla goccia di sangue, semplifica molto l’iter diagnostico”, spiega il prof. Antonio Pisani. “Sono stati ottenuti risultati molto interessanti sia dal punto di vista numerico che da quello dell’ampliamento delle conoscenze, rispetto a quella che la genetica di queste patologie. Sicuramente, lo screening non risolve il problema della lentezza di diagnosi che caratterizza queste malattie rare, ma in qualche modo aiuta i clinici a individuare, soprattutto nelle popolazioni a rischio, come quelle con ipertrofia ventricolare sinistra senza causa, con malattia renale o nel giovane con ictus, una diagnosi che altrimenti sarebbe misconosciuta”.

È stato fatto molto negli ultimi 15 anni, proprio grazie alla disponibilità di queste nuove metodiche. Sono state eseguiti moltissimi programmi di screening, a livello locale, regionale o nazionale, ottenendo risultati davvero importanti. “Ritengo che i pazienti da sottoporre a tale procedura diagnostica siano quelli più a rischio, cioè quelli che presentano ipertrofia ventricolare sinistra, malattia renale e malattie del sistema nervoso centrale”, aggiunge l'esperto.

Per la malattia di Fabry esiste anche la possibilità di intervenire ancor più precocemente, grazie allo screening neonatale. “Questo sicuramente permette di fare una diagnosi estremamente precoce, che tuttavia potrebbe essere, in una certa misura, inficiata dalla presenza di molte varianti cliniche e di mutazioni a significato patologico incerto”, conclude il prof. Pisani. “C’è il rischio di formulare una diagnosi di patologia in un paziente che non manifesterà, negli anni, evidenze cliniche. Per tutti questi motivi, lo screening neonatale per la malattia di Fabry rimane dibattuto, sebbene la tendenza nazionale sia quella di allargare anche alle malattie metaboliche lo screening neonatale”.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni