Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare #Appuntamenti Il primo corso di aggiornamento su #malattierare e #farmaciorfani . 27 Aprile 2018 | Loreto, Ancona. bit.ly/2I5PHX3
About 6 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Sindrome dell'X fragile, negli USA BPN14770 è stato designato farmaco orfano. Ha il potenziale per migliorare le funzioni cognitive e di memoria anche in altri disturbi neurologici come la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza e schizofrenia. bit.ly/2KgA8MA pic.twitter.com/DsbwBIkcb0
About 6 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Colangite biliare primitiva: l'acido obeticolico è in grado di stabilizzare la fibrosi e la cirrosi nei pazienti. bit.ly/2vN4Hqa pic.twitter.com/N7UE2HPuxr
About 9 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #DistrofiadiDuchenne : Crispr/Cas9, cura o ‘solo’ terapia? Le potenzialità di questa innovativa tecnica di ingegneria genetica e i suoi limiti, illustrati nel corso della XVI Conferenza Internazionale @Parent_Project da A. Aartsma-Rus dell’ @UniLeiden bit.ly/2r1Z0Pm pic.twitter.com/m8iYi7fwbf
About 12 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Appuntamenti | #Convegno @aiponlus | "Vivere oggi con una Immunodeficienza Primitiva - 5 proposte per 5 bisogni". 27 Aprile dalle 9.00 alle 14.00 | Firenze @fondazionemeyer #PrimaryImmunodeficiency #WPIW #WorldPIWeek bit.ly/2qYw8Zo pic.twitter.com/H2tnLShfNZ
About 12 hours ago.

Leucemia Linfatica Cronica

La leucemia linfatica cronica é una patologia caratterizzata dall’aumento continuo di particolari globuli bianchi (i linfociti) nel sangue, nel midollo osseo, nei linfonodi e nella milza. La leucemia linfatica cronica é la leucemia più comune tra la popolazione adulta dei Paesi occidentali, dove rappresenta il 25-30 per cento di tutte le leucemie. Colpisce più gli uomini delle donne, con un rapporto di circa 1.5-2:1. Il tasso di incidenza annua è di circa 2-6 nuovi casi ogni 100.000 abitanti. La cifra aumenta con l’età, sino a raggiungere 12.8 casi su 100.000 abitanti all'anno all’età media della diagnosi, ossia 65 anni. La leucemia linfatica cronica a cellule B è considerata un tumore raro.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui.

Un recente studio  statunitense pubblicato sulla rivista Blood suggerisce la possibilità dell’utilizzo della nuova molecola otlertuzumab per il trattamento della Leucemia Linfatica Cronica (LLC).
Si tratta di una sperimentazione di fase I, che ha evidenziato un profilo di sicurezza e tollerabilità accettabili per il farmaco, che ora dovrà proseguire il proprio iter sperimentale.

Johnson & Johnson e Pharmacyclics hanno presentato, nel corso del Congresso dell’American Society of Hematology (ASH) di New Orleans,  i risultati ottenuti da un’analisi di estensione di uno studio di Fase II sul farmaco sperimentale Ibrutinib applicato al trattamento della Leucemia Linfatica Cronica (LLC).
Lo studio ha coinvolto 148 pazienti affetti da tale forma leucemica o da  leucemia linfocitica a piccole cellule, di cui 31 naive mentre il restante era stato sottoposto a precedente terapia ma mostrava una ricaduta.

Durante il 55° Congresso Annuale della Società Americana di Ematologia (ASH) di New Orleans, sono stati presentati i risultati dello studio di fase III chiamato CLL11, secondo i quali i pazienti affetti da Leucemia Linfatica Cronica (LLC), trattati con obinutuzumab (GA101) in combinazione con clorambucile, hanno vissuto quasi un anno più a lungo rispetto a quelli trattati con con rituximab in combinazione con clorambucile e senza mostrare un peggioramento della malattia.

La compagnia farmaceutica Novartis ha sviluppato, in collaborazione con un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania, un'immunoterapia sperimentale utilizzata per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta (LLA) e della leucemia linfatica cronica (LLC). La terapia consiste in un vaccino costituito da linfociti T geneticamente modificati, i quali, esprimendo un recettore chimerico (CAR) capace di riconoscere l’antigene tumorale CD19, sono in grado di attaccare i linfociti B che esprimono tale antigene sulla loro superficie e che risultano numerosi in alcuni tipi di leucemie, tra cui la LLA e la LLC.

Secondo i risultati preliminari dello studio di Fase III (CLL10) sull'uso del complesso bendamustina-rituximab (BR) per il trattamento di pazienti anziani affetti da leucemia linfatica cronica (CLL) avanzata e in buone condizioni generali, questa combinazione potrebbe rappresentare una nuova scelta terapeutica. I risultati sono stati presentati al 55° congresso annuale dell’American Society of Hematology (ASH), svoltosi a  New Orleans.

Il farmaco sembra non funzionare in questo tumore, mentre è efficace nel mieloma multiplo

MILANO - Ne ha dato annuncio oggi la stessa azienda che ha deciso di sospendere, in accordo con le valutazioni della FDA americana, lo studio di efficacia della lenalidomide come trattamento per la leucemia linfocitica cronica (LLC). La motivazione è stata la mancanza di dati incoraggianti riguardo la sopravvivenza dei pazienti trattati con lenalidomide, confrontati ai risultati ottenuti con somministrazione di chlorambucil, il chemioterapico ad oggi in uso terapeutico per la LLC.

Uno studio, durato 20 anni, mostra che anche basse dosi di radiazioni possono essere legate alla malattia

USA - I ricercatori dell'Università della California di San Francisco e del National Cancer Institute hanno valutato, in uno studio durato 20 anni, l'aumento del rischio di leucemia e leucemia linfatica cronica nei lavoratori che hanno aiutato a sgomberare i resti della centrale di Chernobyl, in seguito al disastro del 1986.
Lo studio, pubblicato sul giornale Environmental Health Perspectives, rappresenta un'importante prova degli effetti di basse dosi di radiazioni sull'uomo, ed è di particolare interesse per i minatori, i lavoratori delle centrali nucleari e per i pazienti che sono sottoposti a basse dosi di radiazioni durante i test diagnostici.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni