Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Il più grande studio genetico mai realizzato. Scoperte 5 nuove varianti genetiche associate allo sviluppo dell’ #Alzheimer . Della ricerca internazionale, pubblicata su @NatureGenet , fa parte anche @LaStatale e il @policlinicoMI bit.ly/2KQfPKt pic.twitter.com/ITtGOMMcBh
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Lavorare è un diritto per ogni donna e ogni uomo, anche per chi è malato. Workability e qualità della vita nelle #MalattieReumatologiche infiammatorie, lo Study Forum di @ANMAR in collaborazione con @ISHEOconsulting bit.ly/2Phwbu5 pic.twitter.com/KTeyngsGmv
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare «Mi era capitato di cadere ogni tanto, però ci avevo sempre riso sopra». L'intervista a Nunzia, protagonista di #lenostrestorie , il progetto di #CIDPItaliaONLUS . #NeuropatieDisimmuni youtu.be/eVfprRTIy9o
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Focolai di malattie infettive ‘emergenti’ possono mettere a rischio anche le scorte di sangue. Tra le strategie di difesa ci sono le tecniche di “riduzione dei patogeni”. Se ne è discusso all’expert meeting dell' @ECDC_EU @centrosangue bit.ly/2Vbyc0m
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Dispositivi sempre più sofisticati e monitoraggio a distanza: l’aritmologia italiana sta vivendo la sua 'rivoluzione 4.0' Obiettivo: curare #aritmie complesse in una popolazione che invecchia. Se ne è parlato al Congresso Nazionale di @AIACaritmologia bit.ly/2vcwQ6V
3 days ago.

Ricercatori napoletani hanno fatto il punto sui diversi test a disposizione

NAPOLI – L’ipercolesterolemia familiare (FH) è una delle dislipidemie più frequenti, la cui forma autosomica dominante è causata principalmente da mutazioni nei geni del recettore LDL (LDLR), dell’apolipoproteina B (APOB), e della proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 (PCSK9), anche se in circa il 20% dei pazienti la causa genetica rimane non identificata.

I test genetici hanno notevolmente migliorato l’identificazione dei pazienti affetti da FH, la cui causa più frequente è la presenza di mutazioni nel gene LDLR. In questo gene sono state identificate più di 1.200 diverse mutazioni, e circa l’80% sono riconosciute come patogene. Tre ricercatori napoletani hanno pubblicato uno studio sulla rivista Nutrition, Metabolism, and Cardiovascular Diseases: l’obiettivo era fare una panoramica dei metodi attualmente utilizzati per eseguire la caratterizzazione funzionale delle mutazioni che causano FH ed evidenziare le condizioni che richiedono una caratterizzazione della variante al fine di ottenere un report diagnostico.

Nel corso di questa revisione, gli studiosi hanno riassunto i diversi tipi di test funzionali – inclusi i loro vantaggi e svantaggi – che si effettuano per caratterizzare le mutazioni dei geni LDLR, APOB e PCSK9, aiutando a definire meglio il loro ruolo patogeno. Sono state descritte la valutazione delle alterazioni splicing e le due principali procedure per la caratterizzazione funzionale: i metodi ex vivo, in cui si utilizzano le cellule di pazienti con FH, e i metodi in vitro, dove vengono utilizzate linee cellulari.

La caratterizzazione funzionale dei geni mutanti LDLR, APOB e PCSK9, associati a FH, può essere considerata una necessaria integrazione della diagnosi genetica della malattia. Non tutti i tipi di mutazione richiedono una caratterizzazione funzionale: in particolare, se la variante identificata altera notevolmente la corretta sintesi o struttura della proteina, potrebbe essere classificata direttamente come patogena.

La maggior parte delle mutazioni che causano l’ipercolesterolemia familiare sono varianti missenso e, prima che il loro ruolo patogeno possa essere suggerito, devono essere eseguiti gli appropriati test funzionali. In questo contesto, la crioconservazione di campioni biologici di pazienti con FH può svolgere un ruolo importante negli studi diagnostico-sperimentali retrospettivi a lungo termine, fornendo ulteriore materiale per esperimenti sulle cellule ex vivo, necessarie per eseguire i test funzionali.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni