Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare CONVEGNO Una rete di alleanze per essere meno rari - Dalla famiglia al cinema, dall’informazione alle Istituzioni: tanti i nodi che formano una rete. Martedì 4 febbraio 2020 9:30-13:00 Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani - Roma bit.ly/2NQUqzC pic.twitter.com/ztYahHHccY
About 16 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “A scuola di inclusione: giocando si impara” L’iniziativa di @UILDMnazionale per sensibilizzare sul tema della disabilità 17 amministrazioni comunali e altrettanti istituti scolastici, per oltre 1200 studenti. bit.ly/2RlrceH
About 17 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Due Terzi delle #malattierare colpiscono i bambini; L’85-90% di queste patologie ha un’origine genetica; Circa il 30% dei malati rari non ha una diagnosi. L’importante collaborazione tra i genetisti di Varese e quelli del @bambinogesu bit.ly/2tAEsDb
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Oggi pubblichiamo la denuncia dell’Associazione @aiponlus Al #PoliclinicoUmbertoI , 200 bambini affetti da #immunodeficienzeprimitive , provenienti dalla @RegioneLazio e da diverse regioni del centro-sud, sono privi di assistenza specialistica. bit.ly/2RCtKnz
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare L’ #emofilia viene spesso chiamata "malattia dei re" perché a cavallo tra il XIX e il XX secolo colpì le famiglie reali europee. Da allora tante cose sono cambiate. #EmoFacts “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia” 9 Marzo 2020, Roma bit.ly/2sJNZHo pic.twitter.com/rxb8MbiGsh
1 day ago.

In aggiunta alla terapia standard riduce efficacemente il colesterolo LDL

Una nuova terapia per l’ipercolesterolemia familiare omozigote: si tratta di lomitapide, già farmaco orfano negli USA, sviluppato da Aegerion.
Uno studio di fase III che ne ha confermato l’efficacia, è stato presentato pochi giorni fa a Milano, all’ European Atherosclerosis Society (EAS) Congress. L’inibitore della proteina microsomiale di trasporto dei trigliceridi (MTP) lomitapide, in aggiunta alla terapia ipolipemizzante standard, ha dimostrato di ridurre efficacemente il colesterolo LDL e di avere un profilo di sicurezza accettabile.

Alla base dell’ipercolesterolemia familiare omozigote, forma rara della malattia, vi è l'assenza del recettore dell’LDL, che è l'obiettivo principale del trattamento dell’ipercolesterolemia. "Questo è il motivo per cui la patologia è refrattaria agli attuali farmaci ipolipemizzanti" ha spiegato Marina Cuchel, della University of Pennsylvania di Philadelphia, presentando i dati.

Come riportato da Pharmastar lo studio ha coinvolto 29 pazienti, con un’ età media di 31 anni, sottoposti da almeno 6 settimane a  una terapia ipolipemizzante stabile (che stavano seguendo una dieta povera di grassi). I partecipanti sono stati trattati con lomitapide, iniziando con 5 mg e poi salendo col dosaggio fino ad arrivare alla dose massima tollerata di 60 mg/die.

L'endpoint primario di efficacia era la variazione media rispetto al basale del colesterolo LDL dopo 26 settimane di trattamento (nella popolazione intention-to-treat), terminate le quali 23 pazienti hanno continuato il trattamento col farmaco per le valutazioni sulla sicurezza. La dose media è stata di 40 mg/die.

I livelli di colesterolo LDL si sono ridotti del 40 per cento rispetto al basale  e questa riduzione si è mantenuta fino alla settimana 56.

Il farmaco, ha riferito l’autrice dello studio, è stato generalmente ben tollerato. I sintomi gastrointestinali sono stati gli eventi avversi più comuni. Quattro pazienti hanno mostrato aumenti delle transaminasi epatiche che si sono risolti riducendo la dose o sospendendo temporaneamente il farmaco in studio, mentre non si sono osservate variazioni della bilirubina o della fosfatasi alcalina. In ogni caso, nessun paziente ha interrotto il trattamento a causa di alterazioni della funzionalità epatica. La Cuchel ha inoltre riferito che i pazienti che hanno continuato lo studio fino alla fine, hanno presentato una riduzione degli eventi avversi e della loro intensità durante la seconda fase del trial.

L’autrice ha anche detto che sebbene il contenuto di grasso epatico sia aumentato nelle prime 26 settimane, passando dallo 0,9 al 9,0 per cento, per tutto il resto dello studio è rimasto stabile, senza ulteriori incrementi.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni