Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare IV ORPHAN DRUG DAY “Accesso alle terapie per malattie rare in Italia: rendiamo efficiente un sistema già efficace” 6 febbraio 2020 9:30-13:00 Auditorium del Ministero della Salute, Roma bit.ly/37n8GIc #OrphanDrugDay #OrphanDrug pic.twitter.com/0pOYkcQAFI
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Condividi la vita” L’iniziativa di #AcarefOnlus per sostenere la ricerca scientifica di @UniFerrara sulle #sindromiatassiche . bit.ly/36nAACy pic.twitter.com/jjuEiUVKv2
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Anche quando sembra debellata, è in realtà sempre dietro l’angolo” Marta ci racconta la sua esperienza con la #Malattiapolmonare NTM La sua storia è inclusa all’interno del Libro Bianco sulla patologia a cura di OMaR e dell'associazione #AMANTUM bit.ly/2RqtYxO
9 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La diagnosi di #SMA è un momento delicato. Simona Spinoglio, coordinatrice del numero verde di @FamiglieSMA , racconta l’importanza di una presa in carico globale. Guarda l’intervista! bit.ly/2TDZ7kn #GiochiamodiAnticipo #ScreeningNeonatale pic.twitter.com/UgarBVewWJ
9 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Condividi l’appello di Valentina, mamma di Riccardo: “Mi piacerebbe sapere se in Italia ci sono altri bambini con mutazione del gene HUWE1”. #HUWE1Gene La sua storia e le info per inviare la segnalazione bit.ly/3abhUJx
10 days ago.

In uno studio l’esperienza della Prof.ssa Stefanutti (“Sapienza” di Roma) e del Prof. Julius (Università di Dresda)

ROMA – L’ipertrigliceridemia è una malattia metabolica comune, in cui la concentrazione di lipoproteine a bassissima densità e di chilomicroni è elevata nel plasma. Questa malattia può essere provocata da cause primarie o secondarie e nei soggetti affetti può verificarsi da bambini o in età adulta. Una causa genetica può essere alla base dell’ipertrigliceridemia nei bambini e negli adulti, e può essere espressa sotto forma di chilomicroni in un grave quadro clinico noto come iperchilomicronemia familiare da deficit di lipasi lipoproteica o di apolipoproteina CII.

Uno studio pubblicato sulla rivista Atherosclerosis Supplements illustra l’esperienza di due clinici specializzati nel campo delle tecniche extracorporee: la Prof.ssa Claudia Stefanutti, Responsabile dell’Unità di Tecniche Terapeutiche Extracorporee del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università “Sapienza” di Roma, e coordinatrice del Multidisciplinary International Group for Hemapheresis Therapy and MEtabolic DIsturbances Contrast (MIGHTY MEDIC), e il Prof. Ulrich Julius, del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università di Dresda.

L’ipertrigliceridemia geneticamente determinata comprende la disbetalipoproteinemia familiare per deficit di apolipoproteina EIII delle lipoproteine a bassissima densità e l’ipertrigliceridemia familiare. Tuttavia, i dati recenti suggeriscono che i classici fenotipi di Fredrickson, che descrivono clinicamente l’ipertrigliceridemia e che una volta erano considerati distinti sulla base di caratteristiche biochimiche, hanno una comune causa genetica.

L’ipertrigliceridemia è stata classificata secondo un recente documento internazionale come mite: 2-10 mmol/L (176-882 mg/dL); o grave: più di 10 mmol/L (più di 882 mg/dL) associata a residui chilomicroni, o lipoproteine a densità intermedia come particelle o chilomicroni. Il trattamento prevede la limitazione nel contenuto della dieta di grassi saturi, alcol, fibrati e acidi grassi omega 3.

Quando i trigliceridi sono gravemente elevati e associati ai chilomicroni, il rischio di pancreatite acuta suggerisce l’uso di opzioni terapeutiche più drastiche, come la plasmaferesi terapeutica. Lo studio della Prof.ssa Stefanutti e del Prof. Julius riassume l’esperienza con la plasmaferesi convenzionale (Plasma-Exchange, PEX) e con diversi metodi di aferesi delle lipoproteine tesi ad abbassare in modo consistente i livelli dei trigliceridi in pazienti con trigliceridi normali, con ipertrigliceridemia lieve o grave. Le future terapie più promettenti in questo campo – spiegano gli autori – sono la lomitapide, i nuovi inibitori dell’apolipoproteina CIII e la terapia genica.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni