Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Sono allarmanti i dati sull' #accessibilit%C3%A0 degli edifici italiani pubblici e privati. Il nostro approfondimento sulle normative bit.ly/2Mmoh2x #Disabilit%C3%A0 #BarriereArchitettoniche pic.twitter.com/CdtoPK4OEl
About 11 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Nasce in Italia la prima Associazione dedicata ai pazienti con #Bronchiectasie polmonari. Promuoverà la conoscenza di una condizione clinica sottovalutata, spesso associata a #malattierare come fibrosi cistica o malattia polmonare NTM. bit.ly/2pqL18Q @AlibertiStefano pic.twitter.com/TCT4fUt3ul
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Sono stati presentati i positivi risultati dello studio clinico di Fase, che ha valutato la sicurezza e l’efficacia del farmaco per i pazienti affetti da #colangiocarcinoma bit.ly/2VLF6Hj
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare L'evento che si è tenuto a Catania è stata l'occasione per un aggiornamento sui temi più attuali in #emofilia , con un'analisi sulle terapie esistenti e uno sguardo sui trattamenti futuri. bit.ly/2VKYkNd
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Ritardo psicomotorio e del linguaggio, crisi epilettiche, atassia e disturbi psichiatrici: sono le caratteristiche cliniche del #deficitdiSSADH di cui recentemente sono state scoperte due nuove mutazioni della patologia. bit.ly/2MjrfF1
1 day ago.

“Avrei fatto più carriera all’estero ma ho voluto portare qui l’esperienza americana. Da noi il più grande ostacolo è la mentalità. Bisogna collaborare di più”

FIRENZE - Donna, under 40, ricercatrice. Tre parole che spesso si associano a ‘precaria’, oppure a ‘cervello fuggito all’estero’. Invece la dottoressa Eleonora Gambineri, 38 anni, rompe gli schemi: ha un contratto a tempo indeterminato al  Meyer di Firenze, la stessa città in cui è nata e dove ha studiato conseguendovi laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in pediatria. Se ne è andata solo una volta, cogliendo l’occasione di lavorare quasi tre anni alla University of Washington a Seattle (USA), a fianco del prof. Hans Ochs, uno dei maggiori esperti mondiali di immunodeficienze primitive.

“Sapevo che a Seattle sarei rimasta solo meno di tre anni, dovevo finire la specializzazione e quello era il massimo del tempo che mi era concesso – racconta a Osservatorio Malattie Rare – Non pensavo però che il riorno a Firenze sarebbe stato definitivo, credevo invece che sarei tornata all’estero. Poi mi è capitata l’occasione di partecipare a un concorso indetto dall’Università per un posto a tempo indeterminato, e l’ho vinto, così sono rimasta. Non sono andata all’estero ma ho deciso che avrei portato in Italia quello che avevo visto a Seattle, non solo la ricerca sulle immunodeficienze primitive e l’esperienza di diagnosi molecolare ma, soprattutto, un modo di lavorare che in Italia è ancora poco diffuso. La differenza più grande tra noi e gli Stati Uniti, infatti, non è tanto nelle competenze o nella disponibilità di risorse, gli ostacoli maggiori sono nella mentalità delle persone. Abbiamo gente competente poco valorizzata e risorse che vengono spese male ma, soprattutto, c’è poco spirito di collaborazione. In questo sono stati gli ostacoli maggiori e ad aiutarmi a superarli spesso sono state più le mie conoscenze internazionali che non le persone più vicine. Se fossi rimasta all’estero, probabilmente, avrei fatto più carriera; qui è stata più dura ma sono soddisfatta dei risultati e dei progetti che portiamo avanti. Nel laboratorio di ricerca in cui lavoro siamo sempre attenti a rimanere in contatto con chi si occupa degli stessi temi, sia clinici che ricercatori, cerchiamo di scambiarci informazioni, consigli sui pazienti, esperienze.  Credo sia importante sempre, e fondamentale quando si lavora su malattie rare e rarissime”.   

Tornata in Italia la dottoressa  Gambineri ha ottenuto 2 grant Telethon, 2 grant MIUR ed è anche riuscita a vincere il progetto ‘Giovani ricercatori’ del Meyer, un programma destinato agli under 40 dall’ospedale pediatrico fiorentino nella prospettiva, ammirabile, di non perdere le proprie eccellenze.

 

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni