“Avrei fatto più carriera all’estero ma ho voluto portare qui l’esperienza americana. Da noi il più grande ostacolo è la mentalità. Bisogna collaborare di più”

FIRENZE - Donna, under 40, ricercatrice. Tre parole che spesso si associano a ‘precaria’, oppure a ‘cervello fuggito all’estero’. Invece la dottoressa Eleonora Gambineri, 38 anni, rompe gli schemi: ha un contratto a tempo indeterminato al  Meyer di Firenze, la stessa città in cui è nata e dove ha studiato conseguendovi laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in pediatria. Se ne è andata solo una volta, cogliendo l’occasione di lavorare quasi tre anni alla University of Washington a Seattle (USA), a fianco del prof. Hans Ochs, uno dei maggiori esperti mondiali di immunodeficienze primitive.

“Sapevo che a Seattle sarei rimasta solo meno di tre anni, dovevo finire la specializzazione e quello era il massimo del tempo che mi era concesso – racconta a Osservatorio Malattie Rare – Non pensavo però che il riorno a Firenze sarebbe stato definitivo, credevo invece che sarei tornata all’estero. Poi mi è capitata l’occasione di partecipare a un concorso indetto dall’Università per un posto a tempo indeterminato, e l’ho vinto, così sono rimasta. Non sono andata all’estero ma ho deciso che avrei portato in Italia quello che avevo visto a Seattle, non solo la ricerca sulle immunodeficienze primitive e l’esperienza di diagnosi molecolare ma, soprattutto, un modo di lavorare che in Italia è ancora poco diffuso. La differenza più grande tra noi e gli Stati Uniti, infatti, non è tanto nelle competenze o nella disponibilità di risorse, gli ostacoli maggiori sono nella mentalità delle persone. Abbiamo gente competente poco valorizzata e risorse che vengono spese male ma, soprattutto, c’è poco spirito di collaborazione. In questo sono stati gli ostacoli maggiori e ad aiutarmi a superarli spesso sono state più le mie conoscenze internazionali che non le persone più vicine. Se fossi rimasta all’estero, probabilmente, avrei fatto più carriera; qui è stata più dura ma sono soddisfatta dei risultati e dei progetti che portiamo avanti. Nel laboratorio di ricerca in cui lavoro siamo sempre attenti a rimanere in contatto con chi si occupa degli stessi temi, sia clinici che ricercatori, cerchiamo di scambiarci informazioni, consigli sui pazienti, esperienze.  Credo sia importante sempre, e fondamentale quando si lavora su malattie rare e rarissime”.   

Tornata in Italia la dottoressa  Gambineri ha ottenuto 2 grant Telethon, 2 grant MIUR ed è anche riuscita a vincere il progetto ‘Giovani ricercatori’ del Meyer, un programma destinato agli under 40 dall’ospedale pediatrico fiorentino nella prospettiva, ammirabile, di non perdere le proprie eccellenze.

 

Articoli correlati

Sportello legale

L'esperto risponde

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni