Secondo i risultati dello studio di fase III SELECT, che ha indagato l'uso di lenvatinib (E7080) nel trattamento del carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo, misurando i livelli della proteina angiopoietina-2 sarebbe possibile fare una previsione sulla risposta del paziente a lenvatinib. Lenvatinib è un inibitore di molteplici recettori della tirosin-chinasi (TKI) in grado di inibire in modo selettivo le attività chinasiche di alcune TKI oncogeniche correlate alle vie proangiogenica e oncogenica.

Di conseguenza, grazie al suo impiego in terapia, sarebbe possibile ridurre le dimensioni tumorali e ottenere una maggiore sopravvivenza libera da progressione (PFS).

 

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR 2020 - Instant book

Premio OMaR 2020 - Instant book

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni