Il carcinoma pancreatico metastatico è destinato a diventare la terza causa principale di morte per cancro in Europa. Offrire quindi un miglior accesso alle terapie per i pazienti che ne sono affetti è una priorità.

L'idea è semplice quanto rivoluzionaria: riuscire a scatenare le difese immunitarie per combattere ed eliminare le cellule del cancro. E' il concetto dell'immunoterapia, un filone di ricerca che - come è stato evidenziato all'Asco, il congresso dell'American Society of Clinical Oncology svoltosi a Chicago - è entrato di diritto tra le nuove strategie per combattere i tumori. “Un approccio che potrebbe portare ad una rivoluzione anche nel trattamento dell'adenocarcinoma del pancreas, una delle neoplasie più difficilmente curabili”: a spiegarlo a Daniele Banfi sulle pagine di Tuttoscienze de La Stampa è l’immunologo Francesco Novelli, professore nel Dipartimento Biotecnologie Molecolari e Scienza della salute dell’Università di Torino, da anni impegnato con il suo gruppo nella ricerca di possibili molecole attive contro questa forma di tumore.

Sono stati recentemente pubblicati sulla rivista specializzata Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention i risultati di uno studio caso-controllo secondo cui un un uso abituale di aspirina ridurrebbe significativamente il rischio di sviluppare tumore al pancreas.
Secondo i ricercatori, guidati da Harvey A. Risch, del Department of Chronic Disease Epidemiology della Yale University di New Haven (Connecticut) il rischio sarebbe addirittura dimezzato e i benefici riguarderebbero soprattutto chi fa uso prolungato del farmaco.

Durante il meeting annuale dell’American Society for Microbiology è stato presentato un nuovo test, realizzato dai ricercatori della San Diego State University, che si effettua su campioni di saliva dei pazienti e permetterebbe di nell’identificare con anticipo e con maggiore precisione il tumore al pancreas.
Secondo i ricercatori, infatti, nella bocca di chi soffre di questa patologia sono presenti concentrazioni di specifiche quantità di alcuni particolari batteri, che una volta identificati permettono una diagnosi precoce del tumore.

Il carcinoma pancreatico metastatico è destinato a diventare la terza causa principale di morte per cancro in Europa. Offrire quindi un miglior accesso alle terapie per i pazienti che ne sono affetti è una priorità.
Secondo l'Euro Pancreatic Cancer Index 2014, che ha valutato la situazione relativa alla prevenzione, diagnosi, terapia e cure palliative dei tumori pancreatici in 28 Stati Europei, Norvegia e Svizzera, l’Italia si colloca globalmente al decimo posto per la gestione complessiva del carcinoma pancreatico.

New Link Genetics, società biofarmaceutica americana, ha recentemente annunciato che lo studio di fase III IMPRESS, realizzato al fine di valutare l'efficacia e la sicurezza di algenpantucel-L sarà portato avanti.
Algenpantucel-L è una nuova immunoterapia rivolta ai pazienti con tumore al pancreas sottoposti a resezione chirurgica del tumore e, dopo una prima analisi, un comitato di monitoraggio ne ha raccomandato la prosecuzione senza prevedere modifiche al disegno iniziale.

Osservatorio Malattie Rare: “Senza una decisione di AIFA i pazienti non possono accedere a questa speranza”

A gennaio l’Ema ha approvato l'uso di Abraxane (paclitaxel legato all'albumina in nanoparticelle) in combinazione con gemcitabina, per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con adenocarcinoma metastatico del pancreas o carcinoma pancreatico metastatico. Si tratta di un farmaco già noto perché utilizzato nel tumore alla mammella metastatico, che Celgene ha sperimentato con successo anche nel cancro al pancreas metastatico.  In Inghilterra, la notizia è di questi giorni, è arrivata la decisione positiva dell’NHS England’s Cancer Drugs Fund (CDF) che rende questo farmaco immediatamente disponibile ai pazienti. In Italia, invece, il bisogno dei pazienti è ancora insoddisfatto.

Celgene International Sàrl, società interamente controllata da Celgene Corporation, ha annunciato che la Commissione europea ha approvato l'uso di Abraxane (paclitaxel legato all'albumina in nanoparticelle) in combinazione con gemcitabina, per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con adenocarcinoma metastatico del pancreas o carcinoma pancreatico metastatico.

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni