Nei pazienti con mieloma multiplo recidivato/refrattario precedentemente esposti a bortezomib e lenalidomide, l'aggiunta di carfilzomib alla terapia di salvataggio ha prodotto una percentuale di risposta complessiva (ORR) del 47,2%, con una tossicità gestibile, in uno studio retrospettivo multicentrico da poco pubblicato sul British Journal of Haematology.

Fattori predittivi di risposta alla terapia contenente carfilzomib sono risultati la refrattarietà a bortezomib (ORR pari al 68% nei pazienti sensibili a bortezomib contro 42,2% nei pazienti resistenti al farmaco; P = 0.02) e a lenalidomide (ORR pari al 75% nei pazienti sensibili a lenalidomide contro 40,8% per quelli resistenti al farmaco; P = 0,003), nonché il numero di linee di terapia fatte in precedenza e un livello di albumina.

Per approfondire la notizia leggi qui.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni