ARIAD Pharmaceuticals, Inc.  ha annunciato oggi di aver concluso le consultazioni con le autorità sanitarie statunitensi ed europee relativamente alla progettazione di una sperimentazione randomizzata dose-ranging per valutare tre dosi iniziali di Iclusig® (ponatinib) in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica refrattaria in fase cronica (CML-CP). Si prevede che la sperimentazione fornirà delle direttive per l'uso ottimale di Iclusig per questo tipo di pazienti e inizierà entro la metà del 2015. Circa 450 pazienti saranno arruolati nelle sperimentazioni cliniche in tutto il mondo.

Uno studio multicentrico internazionale di fase III, pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, ha mostrato che né l'agente elacitarabina né altri sette regimi di salvataggio ampiamente utilizzati hanno offerto un beneficio clinicamente significativo a pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA) recidivante/refrattaria.

Al 55° congresso annuale dell’American Society of Hematology (ASH) sono stati presentati i risultati a quattro anni di uno studio di Fase III, denominato “DASISION”,  da cui sembra emergere la maggiore efficacia di dasatinib, rispetto a imatinib, nel trattamento di pazienti adulti affetti da leucemia mieloide cronica in fase cronica (CML-CP).

Interrompere il trattamento con imatinib sembra essere abbastanza sicuro nei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica. E’ quanto emerso da uno studio pubblicato su European Journal of Cancer.
Come spiegato dagli esperti, il trattamento con imatinib migliora in modo significativo la sopravvivenza dei pazienti con leucemia mieloide cronica, ma non è chiaro se tale terapia possa essere interrotta con sicurezza nel lungo periodo.

Si tratta di 'approvazione condizionata', ma i primi dati sono positivi

La Commissione Europea ha dato l’approvazione condizionata al trattamento dei pazienti adulti con leucemia mieloide cronica (LMC) con bosutinib, un farmaco oncologico sviluppato da Pfizer. Il farmaco è destinato al trattamento dei pazienti che presentino LMC positiva al cromosoma Philadelphia (Ph +) in fase blastica, già trattati con altri inibitori della tirosin chinasi (imatinib, nilotinib, dasatinib) e per i quali queste terapie non siano appropriate.

USA - La Food and Drug Administration ha approvato il farmaco Iclusig (ponatinib) per il trattamento di adulti con leucemia mieloide cronica (LMC) e leucemia linfoblastica acuta positiva per il cromosoma Philadelphia (LLA Ph +).
Il farmaco è stato incluso in una revisione prioritaria, che prevede una revisione accelerata per i farmaci in grado di fornire una terapia efficace e sicura in assenza di altre opzioni terapeutiche.

Un nuovo farmaco sperimentale sembra agire concretamente contro la leucemia mieloide cronica (LMC) con mutazione T315I. Questo tipo di malattia fino ad ora sembrava incurabile, ma uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine dimostra le potenzialità terapeutiche del trattamento con ponatinib.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni