La sperimentazione è condotta dall'èquipe diretta dal dottor Michele Maio presso l'AOU Senese

Parte a Siena il primo studio al mondo per l'utilizzo dell'immunoterapia nella cura del glioblastoma, una grave forma di tumore al cervello. Lo studio è condotto dall'èquipe di Immunoterapia Oncologica dell'AOU Senese, diretta dal Dr. Michele Maio, l'unico reparto interamente dedicato all'onco-immunologia nella sanità pubblica italiana. “Abbiamo trattato i primi quattro pazienti a gennaio – spiega Maio – e ne inseriremo altri nei prossimi mesi. Si tratta di una sperimentazione di fase due, che prevede la somministrazione di una nuova molecola che agisce sul sistema immunitario, per renderlo fortemente reattivo contro il tumore. I pazienti che possono essere inseriti nella sperimentazione sono quelli che hanno già effettuato, senza successo,  il trattamento standard previsto per questa malattia e cioè una combinazione tra radioterapia e chemioterapia”.

 

Il nuovo anticorpo è diretto contro una molecola chiamata PD1, ed è stato ideato partendo dagli ottimi risultati ottenuti nell'utilizzo dell'immunoterapia in altre forme di tumori, tra cui melanoma e cancro al polmone. “L'immunoterapia – aggiunge l'immuno-oncologa Anna Maria Di Giacomo – ha iniziato a mostrare efficacia anche nel controllare metastasi a livello di sistema nervoso centrale e, per questo motivo, è stato disegnato uno studio proprio su un tumore primitivo del sistema nervoso centrale. Il glioblastoma, infatti, è un tumore con un'incidenza di 2 casi ogni 100mila persone, difficilmente aggredibile chirurgicamente perchè tende a infiltrarsi e recidiva frequentemente e, oltre al trattamento medico standard , non ci sono altre possibilità terapeutiche in grado di migliorare la sopravvivenza dei pazienti”.

Sarà Siena la sede di questa sperimentazione perchè oltre alla presenza dell'Immunoterapia oncologica, nell'ospedale senese è presente un team multidisciplinare di alta specialità nel settore delle neuroscienze. “Per questo studio – aggiunge Maio – collaboriamo attivamente con la Neurochirurgia del dottor Giuseppe Oliveri con la neurologa Barbara Batani, la Neuroradiologia con il dottor Alfonso Cerase e, per l'Anatomia Patologica, con la dottoressa Clelia Miracco. Grazie alle professionalità presenti e alla grande collaborazione abbiamo in preparazione altri studi, sia di fase 1 che di fase 2, per l'utilizzo di nuovi anticorpi  per la cura dei tumori al cervello.La particolarità dell'immunoterapia in quest'ambito – conclude Maio – non è solo di sperare di poter ottenere la regressione della malattia ma anche di aumentare la sopravvivenza di questi pazienti”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni