BELOB, uno studio randomizzato di fase II presentato di recente al congresso della Society for Neuro-Oncology (SNO), mostra che la combinazione di bevacizumab e lomustina ha un’efficacia superiore rispetto a ciascuno dei due agenti singoli su pazienti con glioblastoma ricorrente.

Bevacizumab al momento è ampiamente usato nei pazienti con glioblastoma recidivante, sia in combinazione con altri agenti sia in monoterapia, ma gli autori dello studio sostengono che in combinazione con lomustina potrebbe avere ottimi risultati e che ci debbano essere ulteriori studi in merito.

Per l'articolo completo clicca qui.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni